Automha e l’università di Napoli: insieme per la formazione degli studenti - BergamoNews
A cura di

Automha

L'accordo

Automha e l’università di Napoli: insieme per la formazione degli studenti

L’azienda ha stipulato una convenzione con l’università Federico II offrendo molte opportunità agli studenti

Automha investe sui giovani e sul futuro. L’azienda bergamasca leader mondiale nel settore dei magazzini automatici punta concretamente sulle nuove generazioni offrendo importanti opportunità formative e implementando collaborazioni con gli istituti universitari.

Queste sinergie mirano ad accrescere nella scuola e nei ragazzi la consapevolezza delle innovazioni portate dall’automazione e le opportunità legate a questo settore dell’industria che, come pochi, si identifica negli obiettivi della c.d. Industria 4.0.

In quest’ottica, nel giugno scorso, Automha ha stipulato una convenzione con l’università degli Studi “Federico II” di Napoli ed in particolare con la Scuola Politecnica e delle Scienze di base con cui si è creata una virtuosa sintonia.

Grazie a questo accordo, l’azienda propone argomenti per sviluppare tesi di laurea per gli studenti dei corsi triennali e magistrali dei diversi dipartimenti di ingegneria afferenti la Scuola Politecnica.

Al tempo stesso offre loro la possibilità di svolgere tirocini curricolari ed extra-curricolari alla sede di Bergamo.

Inoltre, metterà a disposizione tecnici interni per tenere lezioni tecniche inerenti al suo business e alle aree di competenza, predisporrà delle borse di studio post laurea e fornirà materiale per i laboratori didattici della scuola politecnica.

Per favorire questo percorso mercoledì 16 ottobre Automha parteciperà alla manifestazione “Job meeting”, che si terrà all’università di Napoli ed è finalizzata a far incontrare le aziende a studenti e neo-laureati.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it