BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Restaurata la seicentesca statua lignea della Madonna del Rosario

Venerdì 4 ottobre, nella chiesa parrocchiale, presentati i lavori che hanno donato nuova luce all’opera seicentesca

Dopo un restauro lungo un anno, la statua seicentesca della Madonna del Rosario riprende la propria collocazione all’interno della chiesa parrocchiale di San Pellegrino. Una statua lignea riportata alla sua origine, grazie al ritrovamento della testa originale (che venne sostituita da un’altra di un periodo successivo) ed al lavoro della restauratrice Nadia Guerini per la parte lignea e di Franco Blumer per quanto riguarda il recupero delle corone in lamina.

La statua raffigura una Madonna che porta nella mano sinistra il rosario, mentre con il braccio destro sorregge un Gesù Bambino crucigero: due figure coronate, entrambe lignee e rivestite con abiti in tessuto.

I lavori di restauro, iniziati nell’ottobre del 2018 e recentemente terminati, sono stati presentati venerdì 4 ottobre alle 20.45 nella chiesa parrocchiale di San Pellegrino. Durante la serata, interverranno Nadia Guerini per quanto riguarda il restauro ligneo, Luca Zonca (presidente dell’associazione pARTEcipando) per la parte storica e il parroco don Gianluca Bresciani per ciò che concerne gli aspetti legati al sacro.

madonna rosario san pellegrino

Una storia secolare quella della statua della Madonna del Rosario, che compare per la prima volta nelle fonti nel 1699, attraverso una citazione di Luigi Ruini, che fu vescovo di Bergamo dal 1698 al 1708. Il vescovo Ruini attribuì l’opera a Gabriele da Verona, del quale però non si hanno molte notizie certe. Attorno al 1950, poi, la testa lignea venne sostituita con un’altra, realizzata in una bottega della Val Gardena. Dopo il ritrovamento della testa autentica, il restauro ha permesso di riportare la statua alla sua forma originaria.

La serata di venerdì 4 ottobre sarà, quindi, occasione per approfondire i lavori effettuati, ma anche per riscoprire l’importanza a San Pellegrino del culto della Madonna del Rosario, raffigurata in diverse opere presenti nelle chiese della cittadina termale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.