BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Per le Giornate Fai d’autunno visite alle bellezze di Calcio, Gandino e Ponte San Pietro

Sabato 12 e domenica 13 ottobre con 3 itinerari originali per luoghi, suggestioni ed eventi speciali

Sabato 12 e domenica 13 ottobre torna per l’ottavo anno l’appuntamento autunnale con il FAI – Fondo Ambiente Italiano per scoprire l’Italia attraverso itinerari tematici e aperture speciali che permetteranno di visitare luoghi insoliti e straordinari in tutto il Paese: 260 comuni coinvolti a sostegno della campagna di raccolta fondi del FAI – Fondo Ambiente Italiano “Ricordati di salvare l’Italia”, attiva a ottobre.

L’edizione 2019 delle Giornate FAI d’Autunno è dedicata al bicentenario de “L’infinito”. La Delegazione FAI di Bergamo, il Gruppo FAI Giovani e il Gruppo FAI Bassa Bergamasca hanno giocato con i versi di Leopardi per scovare le infinite sorprese che il nostro territorio regala, spingendo lo sguardo oltre quella siepe, più mentale che fisica, che ci impedisce di allargare l’orizzonte della nostra conoscenza a luoghi vicini, ma negletti o valorizzati meno del dovuto.

Sono così nati 3 itinerari originali per i luoghi, le suggestioni, gli eventi speciali, che mostreranno, sotto luce nuova, comuni che forse solo in un caso sono meta di visite non fortuite. Se Gandino vanta una passata edizione delle Giornate Fai di Primavera, per Calcio e Ponte San Pietro si tratta del debutto in un evento nazionale del FAI.

Qualche numero e le particolarità dell’edizione 2019: 3 itinerari in 3 diversi Comuni dell’Isola, in Valle Seriana e nella pianura orientale, 19 siti aperti, 3 proposte di visita di passaggio, 47 murales, 1 rifugio antiaereo, 1 area naturalistica che merita 4,3 milioni di euro di progetto, 1 luogo del cuore 2018, 1 danza macabra dal sapore egizio, 1 Moroni in trasferta, 6 dimore private, 1 torre campanaria, 2 chiese vecchie, ma anche 1 nuova, 1 chiesetta, 2 oratori di confraternite e persino un convento, 1 lanificio, 1 castello, 45 collaborazioni di comuni, parrocchie, enti, associazioni, privati che aprono le loro dimore e aziende, 50 volontari FAI e altrettanti dei partner locali che, con 170 Apprendisti Ciceroni di 4 diversi istituti, saranno pronti ad accogliere i visitatori e ad accompagnarli in visite esclusivamente guidate, 1 apertura dedicata agli iscritti FAI: il Lanificio Torri Lana a Gandino.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.