BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Solomon al 95′ beffa l’Atalanta: Zapata non basta, per i nerazzurri un ko che fa malissimo

Il colombiano illude i bergamaschi, ripresi da Moraes prima dell'intervallo e puniti nel finale da un contropiede. Ora il cammino europeo si fa duro

Fa male, malissimo. Ma l’Atalanta perde anche la seconda uscita di Champions League, a San Siro contro lo Shakhtar Donetsk.

Una sconfitta che ha il tremendo sapore della beffa, non solo per il risultato che complica parecchio il cammino dei nerazzurri nella competizione, ma anche per gli episodi che hanno deciso un match che i bergamaschi meritavano non di pareggiare, ma di vincere.

Il pallino del gioco è sempre stato in mano agli uomini di Gasperini, che ci hanno provato fino all’ultimo a conquistare i tre punti, esponendosi così alla beffa finale: il gol del ko è infatti arrivato al 95′, all’ultimo secondo di gioco, con l’Atalanta che cercava la vittoria.

A rendere ancor più amara la serata c’è anche il calcio di rigore sbagliato nel primo tempo da Ilicic (15′), che la zuccata del solito Zapata, al 28′, sembrava aver cancellato.

Invece, al 41′ è arrivato il pareggio di Junior Moraes, bravo a scattare sul filo del fuorigioco beffando Palomino, a superare Gollini in uscita e a depositare in rete a porta vuota. Poi la traversa su punizione di Marlos sembrava essere l’ultimo squillo di uno Shakhtar che pareva arrivato a Milano per strappare il punticino.

Nella ripresa solo Atalanta, non sempre, però, con le idee chiarissime là davanti.

Il protagonista è comunque stato il portiere degli ospiti, Pyatov, che nel secondo tempo ha respinto prima una bomba di Zapata (67′), poi, al 90′, un bel sinistro in girata di Gomez. In mezzo, all’87’, il sinistro da fuori di Malinovskyi che ha fatto la barba al palo strozzando in gola l’urlo dei tifosi bergamaschi.

Nel recupero, con l’Atalanta tutta avanti in cerca del gol dei tre punti, la beffa: lo Shakhtar (che fino ad allora aveva cercato di addormentare la palla perdendo, spesso, tempo) si vede consegnato il contropiede della vittoria, che Solomon non ha sprecato.

Per l’Atalanta, ferma a 0 punti dopo due giornate (e con la doppia sfida col City di Guardiola alle porte) il cammino europeo si fa in salita.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.