BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Bergamo la prima strada al grafene in una città

La sperimentazione di Iterchimica sulla Circonvallazione Fabriciano a Bergamo prevede il rifacimento di tratti di pavimentazione con tecnologie made in Italy. Ad oggi i risultati dimostrano che il supermodificante a base di grafene Gipave permette di incrementare sensibilmente la vita utile delle strade rendendole green e high tech

Bergamo entra a far parte della sperimentazione di Gipave, un supermodificante a base di grafene e di una plastica dura da recupero (che a oggi non rientra nella filiera del riciclo ma è normalmente destinata agli impianti di termovalorizzazione).

Prima strada al grafene a Bergamo

La nuova tecnologia, il cui brevetto è stato depositato a novembre 2017, permette di rendere le pavimentazioni green e high-tech, quindi altamente resistenti, ecosostenibili e 100% riciclabili.

Anche Bergamo consentirà di confermare i risultati già ottenuti in laboratorio e su strada che dimostrano un aumento della durata della pavimentazione almeno del 250%.

Su indicazione del Comune di Bergamo, la sperimentazione consiste nel rifacimento di un tratto di circa 800 metri della Circonvallazione Fabriciano.
Nel dettaglio: 200 metri di corsia (base e usura) con Gipave Hard, 200 metri con bitume modificato Hard (base e usura), 200 metri di corsia (solo usura) con Gipave Hard e 200 metri con bitume modificato Hard (solo usura).

Un laboratorio indipendente certificato si occuperà delle prove e del monitoraggio delle pavimentazioni attraverso controlli sia in fase di produzione e di posa in opera dell’asfalto, con raccolta e analisi di campioni, sia nei mesi successivi attraverso carotaggi e prove dinamiche, direttamente su strada.

Il progetto per la realizzazione di Gipave, finanziato da un bando di Regione Lombardia (POR FESR 2014-2020/innovazione e competitività) è stato sviluppato con la collaborazione di G.Eco (Gruppo A2A), l’Università degli Studi di Milano Bicocca e Directa Plus.

Il grafene utilizzato nel nuovo supermodificante, infatti, proviene dall’azienda italiana Directa Plus, quotata all’AIM di Londra(LON: DCTA),tra i più reali e concreti produttori e fornitori di materiali a base grafenica al mondo. Ad oggi i risultati della sperimentazione hanno dimostrato che Gipave consente di migliorare le prestazioni delle pavimentazioni stradali,con particolare riferimento all’aumento della resilienza e alla diminuzione della sensibilità termica (anche per forti escursioni di temperatura) e quindidi ottenere strade che durino più del doppio.

L’Ingegner Vito Gamberale, Presidente di Iterchimica, ha commentato: “Voglio esprimere l’orgoglio di tutta l’azienda per questa innovazione straordinaria nel campo degli additivi per asfalti che ci permette di immaginare un futuro più sostenibile e tecnologico per le infrastrutture stradali. I risultati ottenuti finora ci fanno ben sperare in termini di maggior durata e resilienza delle strade grazie a questa innovazione tutta italiana. Ma tengo anche molto a esprimere il mio più sentito riconoscimento verso il Sindaco Giorgio Gori che ancora una volta si dimostra sempre attento a conciliare la sicurezza e i servizi per i cittadini con l’ausilio delle tecnologie più avanzate”.

“La nostra città è sempre attenta alle innovazioni in ambito tecnologico e abbiamo anche per questo sollecitato subito Iterchimica perché sperimentasse qui la nuova tecnica di asfaltatura al grafene, – spiega il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori –. In questi anni abbiamo fatto molto per migliorare le strade cittadine, asfaltando centinaia di migliaia di metri quadrati delle nostre strade ed è evidente che una sperimentazione come quella che abbiamo avviato ieri sulla Circonvallazione Fabriciano può, in prospettiva futura, rappresentare un miglioramento notevole delle infrastrutture viarie cittadine. Il grafene garantisce una vita molto più lunga alle strade sulle quali è utilizzato, migliorando la sicurezza degli automobilisti e consentendo alle Amministrazioni di risparmiare soldi pubblici”.

Iterchimica – controllata per il 90% dalla famiglia Giannattasio e per il 10% dall’ingegner Vito Gamberale – è stata fondata nel 1967 da Gabriele Giannattasio e oggi opera in oltre 90 Paesi nel mercato degli additivi e delle tecnologie per asfalti. L’azienda produce e commercializza prodotti per il miglioramento delle caratteristiche delle pavimentazioni stradali aumentandone sicurezza, eco-sostenibilità, efficienza e prestazioni.

Iterchimica

Iterchimica Srl è un’azienda italiana fondata nel 1967 da Gabriele Giannattasio che opera in oltre 90 Paesi nel mercato degli additivi per asfalti. Produce e commercializza prodotti per il miglioramento delle caratteristiche dell’asfalto e la realizzazione di pavimentazioni stradali, aumentandone sicurezza, eco-sostenibilità, efficienza e prestazioni.Grazie alle tecnologie messe a punto, Iterchimica è in grado di consentire la realizzazione di pavimentazioni stradali con percentuali altissime di asfalto riciclato (fino al 100%), riducendo così l’estrazione di nuovi materiali e l’impiego di bitume di primo utilizzo. Inoltre, l’impiego di specifici additivi permette di produrre e stendere l’asfalto a temperature ridotte, con conseguente risparmio di energia e riduzione delle emissioni di CO2 (anidride carbonica) in atmosfera.

L’impresa collabora con le Stazioni Appaltanti, le imprese di costruzione, i General Contractor e gli studi di progettazione, sia in fase di progetto/costruzione, sia in fase di manutenzione, fornendo supporto tecnico e prodotti. I laboratori di Iterchimica sono accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (M.I.U.R.). L’azienda collabora continuativamente con i principali atenei italiani ed internazionali specializzati nelle pavimentazioni stradali e nella ricerca chimica-tecnologica. Iterchimica è associata al Siteb (Strade ITaliane E Bitumi) di cui è socia fondatrice.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.