Settantamila euro al Comune: l'eredità del benefattore protagonista in Consiglio - BergamoNews
A gazzaniga

Settantamila euro al Comune: l’eredità del benefattore protagonista in Consiglio

Mario Ghilardini ha deciso di destinare questa bella somma al suo comune di residenza e ha indicato come spenderla: lunedì ne parlerà l'assemblea consiliare

Il comune di Gazzaniga ha ereditato 70mila euro, lascito di cittadino deceduto un anno fa, il 4 settembre 2018. Della questione discuterà il Consiglio comunale in programma lunedì 30 settembre per definire i termini di legge formalmente adatti a far confluire nelle casse municipali e a destinare come da richiesta l’eredità.

Mario Ghilardini, prima della sua morte, ha deciso di destinare questa bella somma al suo comune di residenza, ma non solo: altre cifre sono state donate in eredità a diverse associazioni del territorio bergamasco, per un totale di oltre mezzo milione.

”Al comune di Gazzaniga – spiega il primo cittadino del paese, Mattia Merelli -, Ghilardini ha lasciato 70mila euro destinati a due progetti specifici: per il sostegno alle famiglie con figli disabili e bisognosi, e per l’istituzione di 5 borse di studio alla sua memoria, da destinare a studenti bisognosi e meritevoli”.

E prosegue: “Siamo molto contenti perché questo gesto dimostra che ci sono anche oggi persone che pensano al bene della gente. È stata una bella sorpresa che tutta l’amministrazione comunale di Gazzaniga ha accolto con gioia: saranno contenti soprattutto i ragazzi che avranno l’onore di ricevere la borsa di studio”.

Mario Ghilardini ha così compiuto un ultimo grande gesto di amore volto ad aiutare le persone più bisognose.

“Anche se il nostro cittadino non è più con noi – conclude il sindaco -, lo ringrazio davvero di cuore”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it