BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Madonna di Campiglio: rubate le targhe dedicate al papà di Bruno Bozzetto

Sul sentiero dedicato al fotografo Umberto Bozzetto, sono sparite due delle quattro targhe commemorative a lui dedicate. L'appello lanciato dal figlio sulla sua pagina Facebook

Bruno Bozzetto, il fumettista e disegnatore, ha denunciato, qualche giorno fa, sulla sua pagina Facebook che a Madonna di Campiglio sono sparite due delle quattro targhe dedicate al padre Umberto e poste lungo il sentiero da lui ideato. Un sentiero panoramico che parte dall’arrivo della funivia Pradalago e porta alla cima Zaledria (2427 metri), e su cui erano state fissate e murate ben quattro targhe. Ad accorgersi dell’asportazione di due di queste è lo stesso Bruno, che percorrendo con amici la passeggiata, ha potuto rendersi conto della visibile assenza.

“A Madonna di Campiglio – scrive Bozzetto – esiste un bellissimo sentiero panoramico, che parte dall’arrivo della funivia Pradalago e porta alla cima Zeledria (mt.2427). Il sentiero, denominato ferrata Umberto Bozzetto, e ora a cura della Sat, è stato infatti ideato e fatto portare a termine nel 1983 da mio padre Umberto, grande appassionato di montagna, che adorava la splendida Madonna di Campiglio ed era anche presidente onorario delle Guide”.

targhe papà Bozzetto

“Quattro belle targhe, dedicate a Umberto Bozzetto, – continua il figlio – erano state fissate e murate sulle rocce in diversi punti del sentiero, a ricordo dell’evento. Giorni fa, ripercorrendolo con amici, ho scoperto che due di queste, a livello dei 3 Laghi e al bivio del Lago Scuro, sono state asportate dalla roccia. Detto in altre parole… rubate. Oltre al grande dispiacere di una simile scoperta, non posso immaginare quale vandalo possa spingersi sin lassù per rubare targhe che hanno solo un valore simbolico e di memoria. Soprattutto per me e per la mia famiglia”.

“Scrivo questo su FB – conclude sconsolato il post del papà del ‘signor Rossi’- solo perché, avendo parecchi contatti e tra loro molti appassionati di montagna, se qualcuno venisse a sapere qualsiasi cosa che potesse aiutarmi a capire o risolvere questo brutto gesto, mi voglia gentilmente informare. Mi rendo perfettamente conto che questa è una ‘Mission Impossiblei, ma… non si sa mai. Il mondo è piccolo e le voci corrono”.

(Immagini tratte dalla pagina Facebook di Bruno Bozzetto)

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.