Sciopero per il clima, il ministro: non serve la giustificazione - BergamoNews
Fridays for future

Sciopero per il clima, il ministro: non serve la giustificazione

Lorenzo Fioramonti ha inviato una circolare che invita le scuole, pur nella loro autonomia, a considerare giustificate le assenze degli studenti occorse per la mobilitazione mondiale contro il cambiamento climatico

Il ministro giustifica chi sciopera per il clima. In vista dello sciopero degli studenti di Fridays for future per sensibilizzare sui cambiamneti climatici, sciopero in programma venerdì 27 anche a Bergamo,  il neo titolare dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti invita le scuole di ogni ordine e grado a considerare giustificato, senza bisogno della firma dei genitori chi vi partecipa.

“In accordo con quanto richiesto da molte parti sociali e realtà associative impegnate nelle tematiche ambientali, ho dato mandato di redigere una circolare che invitasse le scuole, pur nella loro autonomia, a considerare giustificate le assenze degli studenti occorse per la mobilitazione mondiale contro il cambiamento climatico”, ha scritto su Facebook il ministro.

Chi non andrà alle lezioni perché in manifestazione a chiedere un mondo migliore, per salvare la terra, in nome delle battaglie ecologiste potrà dunque (sempre che le scuole accolgano l’invito ministeriale) ritenersi giustificato.

“In questa settimana – aggiunge Fioramonti – dal 20 al 27 settembre, infatti, ragazzi e ragazze di ogni Paese stanno scendendo in piazza per rivendicare un’attenzione imprescindibile al loro futuro, che è minacciato dalla devastazione ambientale e da una concezione economica dello sviluppo ormai insostenibile”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it