Mamma e bimba morte durante il parto, il Ministero della Salute invia una task force di esperti - BergamoNews
Gli sviluppi

Mamma e bimba morte durante il parto, il Ministero della Salute invia una task force di esperti

"Per accertamenti sull'accaduto". Lo riferisce una nota del dicastero, in merito alla morte di Robertine Guira, deceduta nei giorni scorsi dopo aver partorito con taglio cesareo una bambina senza vita all'ospedale di Alzano

“In seguito a quanto avvenuto all’ospedale di Alzano Lombardo“, il ministro della Salute Roberto Speranza “ha inviato una task force di ispettori del Ministero per accertamenti sull’accaduto”.

Lo riferisce una nota del dicastero, in merito alla morte di Robertine Guira, 36 anni, la donna originaria del Burkina Faso deceduta nei giorni scorsi dopo aver partorito con taglio cesareo una bambina senza vita all’ospedale di Alzano. La piccola, hanno rivelato i famigliari, l’avrebbero chiamata Zarrab Rachida.

leggi anche
  • Il dramma
    Mamma e bimba morte durante il parto, papà Guira alle sorelline: “Sono volate in cielo”
    Robertine Zoungrana Quetaduine
  • Dopo la tragedia
    Mamma e figlia morte durante il parto: l’ATS Bergamo vara commissione per far luce sulle cause
    robertine guira
  • Alzano e bergamo
    In ospedale per il parto: muore la bimba, poi la mamma
    neonatale
  • A torre boldone
    Un anno fa morì la moglie con bimba in grembo: “Ora cresco da solo le altre due figlie”
    Robertine morta parto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it