Mamma e bimba morte durante il parto: 20 indagati - BergamoNews
Aperta un'inchiesta

Mamma e bimba morte durante il parto: 20 indagati

Duplice omicidio colposo: questa l'ipotesi di accusa formulata dal sostituto procuratore Carmen Pugliese

Duplice omicidio colposo: questa l’ipotesi di accusa formulata dal sostituto procuratore Carmen Pugliese nei confronti di 20 tra medici, ginecologi e ostetrici per la morte della mamma Robertine Guira e della piccola Zarrab Rachida, avvenuta martedì 17 settembre negli ospedali di Alzano Lombardo e di Bergamo durante il parto cesareo. Per la precisione sono 11 al Pesenti Fenaroli e 9 al Papa Giovanni.

Il magistrato conferirà un doppio incarico a medico legale e ostetrico-ginecologo per gli accertamenti tecnici del caso e per fare completa luce su quanto successo in sala parto, sulle cause che hanno portato alla morte della 36enne e della bimba che portava in grembo.

Sono state inoltre disposte le autopsie sul corpo della mamma originaria del Burkina Faso e abitante a Torre Boldone e della figlioletta mai nata, che verranno effettuate probabilmente la prossima settimana: nel frattempo verrà notificato il provvedimento a tutti gli indagati, che avranno così la possibilità di nominare i propri consulenti.

leggi anche
  • Gli sviluppi
    Mamma e bimba morte durante il parto, il Ministero della Salute invia una task force di esperti
    robertine guira
leggi anche
  • Il dramma
    Mamma e bimba morte durante il parto, papà Guira alle sorelline: “Sono volate in cielo”
    Robertine Zoungrana Quetaduine
leggi anche
  • Alzano e bergamo
    In ospedale per il parto: muore la bimba, poi la mamma
    neonatale

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it