BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il guasto in volo e l’incendio dopo lo schianto: 15enne muore di fronte al papà video

Stefano Mecca, commercialista di Gazzaniga e pilota esperto, era partito per Venezia con le tre figlie: una di loro è deceduta tra le fiamme

Erano partiti con il loro piccolo aereo da Bergamo in direzione di Venezia. Un papà con le tre figlie, una di 18 anni e due gemelle di 15. Sabato 21 settembre, primo giorno di autunno ma con un clima ideale per volare. La gioia e l’emozione, sempre le stesse ma ogni volta come nuove. All’improvviso però il mezzo, un Mooney M20K D-Eise di fabbricazione tedesca, inizia ad avere problemi.

Alla guida Stefano Mecca, commercialista 51enne di Gazzaniga, con studio ad Albino, e socio storico dell’Aereo Club Bergamo di cui ne è vice presidente, che se ne rende subito conto. Anche se non è facile, cerca di mantenere la calma e di rassicurare le tre figlie.

L’uomo, piuttosto esperto dei cieli, decide di tornare indietro. Arrivato sopra Bergamo tenta di atterrare sulla pista dell’Aereo Club che conosce bene. Ma qualcosa va storto. Secondo quanto spiegato dai Vigili del Fuoco di Bergamo, intervenuti sul posto, l’aereo da turismo va in stallo e il pilota perde il controllo.

Piper caduto

Il mezzo prende velocità e poco dopo le 10 si schianta nei pressi dell’Asse interurbano, vicino alla rotonda che porta alla Fiera di via Lunga, per fortuna senza coinvolgere veicoli in transito. Dopo l’impatto al suolo il Mooney prende fuoco. Padre e due figlie riescono a uscire, mentre la terza ragazza rimane intrappolata tra le fiamme.

L’uomo è ferito e disperato. Alcuni testimoni chiamano i soccorsi. Per domare le fiamme che avvolgono il velivolo, sul posto arrivano i Vigili del Fuoco con una quindicina di uomini suddivisi in cinque squadre da Bergamo, Dalmine e dallo scalo di Orio. Per soccorrere i feriti ci sono due ambulanze, due automediche e l’elisoccorso del 118.

Inutile ogni tentativo di salvare la giovane incastrata tra le lamiere che muore carbonizzata. Stefano Mecca viene ricoverato in un primo momento in gravissime condizioni al Papa Giovanni e poi trasferito al Centro Grandi Ustioni di Verona, l’altra gemella 15enne viene trasportata a Seriate e poi al Niguarda di Milano. La terza figlia di 18 anni è alle Cliniche Humanitas Gavazzeni.

Per far luce sulla tragedia ora sono al lavoro gli inquirenti coordinati dal magistrato Silvia Marchina.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.