Le reazioni

Renzi lascia, il Pd di Bergamo: “Noi non ci dividiamo e non guardiamo indietro”

"La sua fuoriuscita è un errore, che genera disorientamento e anche un forte dispiacere: noi continuiamo a lavorare proiettati verso il futuro".

“A Bergamo siamo uniti”: è questa la posizione del Partito Democratico bergamasco in merito alla costituzione di un gruppo parlamentare fuori dal Pd, per bocca del segretario provinciale Davide Casati e di quello cittadino Federico Perdersoli.

“Uniti i democratici vincono, e la grande operazione di responsabilità e coraggio che ha portato alla formazione di un nuovo governo per l’Italia lo ha dimostrato – spiegano Casati e Pedersoli-. La fuoriuscita di Renzi dal Partito è un errore, che genera disorientamento e anche un forte dispiacere. Ma che non deve assolutamente mettere in discussione il progetto politico e di governo del PD che, nel 2007, nacque dall’esigenza di riunire le culture riformiste e democratiche per rispondere alle sfide del nuovo millennio: la lotta alle disuguaglianze, la crescita economica come volano di sviluppo sociale, la scuola, la formazione e la ricerca come terreni da coltivare con cura e, naturalmente, la dimensione europea”.

“Quel progetto – proseguono Casati e Pedersoli – oggi è una realtà solida e strutturata, prima di tutto sui territori, dove migliaia di persone in questi 12 anni hanno lavorato con passione per costruire un partito in grado di rispondere alle nuove esigenze dei cittadini. A Bergamo e in provincia la ricetta ha funzionato: il partito è forte e coeso, ben rappresentato dal sindaco Giorgio Gori, dai tanti altri amministratori e dagli istituzionali, con riconoscimenti di merito e valore”.

“Per questo ci sentiamo di dire con forza e serenità: noi non ci dividiamo – concludono Casati e Pedersoli – . Continueremo a lavorare così, proiettati verso il futuro, facendo tesoro e sintesi delle posizioni plurali, contrastando i sovranismi e il populismo dei nostri avversari politici, con lo sguardo rivolto all’Europa e i piedi ben saldi nei nostri Comuni, forti degli ideali e dei valori che ci accomunano. Non facciamo l’errore di guardare indietro, richiamandoci ad un passato che non c’è più. Questo, gli italiani, non lo capirebbero”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI