BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zagabria, Manchester, Kharkiv: guida alle città per chi segue l’Atalanta in Champions

Alla scoperta delle tre città (non prive di fascino) che ospiteranno i nerazzurri nelle partite della massima competizione europea

Non saranno le città più belle d’Europa, ma Zagabria, Manchester e Kharkiv – le tre località europee che chi vorrà seguire l’Atalanta in Champions League incontrerà, hanno il loro fascino.

Zagabria

Partiamo da Zagabria, prima tappa europea della Champions Atalanta.

Si tratta della capitale della Croazia, che ospita quasi un quarto della popolazione totale del Paese.

Nei secoli è stata abitata da popolazioni provenienti da ogni parte d’Europa, la cui integrazione è garanzia di una vita culturale ricca e variopinta oltre che di un passato storico tumultuoso e appassionante che si riflette chiaramente nell’architettura della città – dalle facciate dei palazzi, alle strade e alle piazze – ma anche nella particolare atmosfera che si respira.

Zagabria (un po’ come Bergamo) si può dividere in Città Alta o Gornji Grad alla cui vista è bene dedicare un’intera giornata, e Città Bassa o Donji Grad, la cui visita impegnerà dalle 3 alle 8 ore, a seconda che si decida di visitare i musei oppure no.

La funicolare che porta a Zagabria Alta
Zagabria

La Città Alta è formata dagli edifici sorti su due colline Gradec o Gric, un tempo abitata dalla nobiltà e dalla borghesia e Kaptol, dove sorgeva la sede dell’episcopato: un tempo le due “città” si trovava il torrente Medvescak, successivamente prosciugato con la costruzione di Ulica Krvavi Most e Tkalciceva Ulica dove oggi si trovano caffetterie, bar e ristoranti frequentati soprattutto dai giovani.

Si trovano nella Città Alta Piazza o Trg Ban Josipa Jelacica, il cuore della città dove un tempo si organizzava la fiera oggi in gran parte pedonale e dedicata ad aventi e manifestazioni culturale durante tutto l’anno. Al centro della Piazza si trova la statua del Ban o viceré Josip Jelacic, uno dei padri della nazione, eretta nel 1947.

Veduta aerea di Zagabria
Zagabria

I Palazzi intorno alla piazza sono in stili diversi e sul lato est c’è l’Ufficio del Turismo e il Gradska Kavana, il caffè storico di Zagabria , sul lato sud si trova il Palazzo del giornale Jutarnji List (1827), mentre nel lato nord gli edifici sono in uno stile misto di Storicista e Secessione. Il bassorilievo del Palazzo della Partner Bank è dello scultore Ivan Mestrovic.

A Ovest della piazza comincia la Ilica, una via animatissima percorsa da diverse linee tranviarie ed è il centro della via elegante della città: i palazzi che si trovano sulla via al piano terra hanno negozi e ristoranti con plateatici che si aprono in affascinanti cortili.

Trasferiamoci poi nella Città Bassa, dove sulle vie si affacciano palazzi coronati da pinnacoli, guglie, torrette e frontoni decorati, balconi e loggiati databili tra 1800 e 1900 e si aprono una quantità di piazze tra cui Piazza Preradovic (poeta) dove si trovano librerie, cinema, caffetterie con terrazze e il mercato dei fiori, Piazza del Maresciallo Tito (appena diventata Piazza della Repubblica croata) con il Teatro Nazionale Croato eretto nel 1895 e la fontana “il pozzo della vita” di Mestrovic, Piazza Roosevelt con il Museo Mimara (dicono sia imperdibile) e il Museo delle Scienze e delle Tecniche.

Il bellissimo Teatro Nazionale Croato
Zagabria

E poi: Piazza Mazuranic con il Museo Etnografico, Piazza Marko Marulic con l’Università, gli Archivi Nazionali e i Giardini Botanici, Piazza del Re Pietro Kresimir IV dove si trovano la Stazione Centrale, la statua Equestre di Re Tomislav di Robert Franges Mihanovic, Piazza Strossmayer circondata da palazzi nobiliari e decorata con statue di uomini famosi, Piazza Nikola Zrinski dove un tempo si teneva la fiera del bestiame, il Palazzo dell’Accademia delle Lettere, delle Scienze e delle Arti dove si trova la Stele di Baska, il Museo Archeologico, la Casa degli Artisti Croati costruita da Mestrovic e il Palazzo della Posta con accanto il piccolo Museo della Posta.

DINAMO ZAGABRIA-ATALANTA, mercoledì 18 settembre 2019

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.