BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

43° StraBergamo

Informazione Pubblicitaria

La StraBergamo colora la città: i percorsi e le modifiche a traffico e mezzi pubblici foto

È il giorno della 43esima edizione della marcia non competitiva più amata della Bergamasca che quest'anno ha voluto lanciare un segnale forte dal punto di vista della tutela dell'ambiente.

Più informazioni su

È il giorno della StraBergamo, l’amatissima marcia non competitiva giunta ormai alla 43esima edizione.

Una grandissima festa che avrà il suo cuore pulsante sul Sentierone e che comporterà anche alcune modifiche sulla circolazione del centro cittadino: a causa della chiusura al traffico di viale Roma, dalle 8 al termine della manifestazione le corse della Linea 1 Atb percorreranno in entrambi i sensi di marcia via Camozzi, via Frizzoni, via Muraine, via S. Giovanni, via Verdi, via Petrarca e percorso normale. Viene anche istituita una fermata provvisoria in via Petrarca in direzione stazione in corrispondenza di quella esistente per la linea C.

La giornata inizia alle 7.30, quando verrà celebrata la Messa all’aperto in piazza Vittorio Veneto. Alle 9 la partenza sul Sentierone, che sarà anche il punto di arrivo della marcia non competitiva. Dalle 10 alle 13, per coloro che hanno affrontato la marcia e si sentono particolarmente affaticati, saranno a disposizione i terapisti del Centro Studi Synapsy per dei massaggi defaticanti.

Grazie alla collaborazione con Aldog, supporter della manifestazione, ci saranno dei punti ristoro per gli amici a quattro zampe che partecipano alla Strabergamo insieme ai loro padroni. Acqua fresca e deliziosi spuntini firmati Aldog sul Sentierone, in piazza Cittadella, ad Astino, in via Cavagnis e in via Valverde.

I PERCORSI

Il percorso da 7 km è adatto a tutti, in particolare alle famiglie con bambini e passeggini. Partendo dal Sentierone, direzione città alta con attraversamento di alcuni dei luoghi più suggestivi: porta Sant’Agostino, viale delle Mura, la Cittadella, la Corsarola e Piazza Vecchia. Discesa verso il traguardo con attraversamento del parco Sant’Agostino.

Il percorso da 12 km è indicato per chi vuole scoprire in tutta tranquillità una delle bellezze di Bergamo: l’ex monastero di Astino. Percorrendo prima Via Tre Armi per poi scendere in direzione Longuelo, ci si dirige verso Astino per poi salire in città alta e attraversare alcuni dei luoghi più suggestivi come la Cittadella, la Corsarola e Piazza Vecchia. Discesa verso il traguardo con attraversamento del parco Sant’Agostino.

Il percorso da 15 km è adatto a chi vuole ammirare alcuni dei più bei paesaggi di città alta e bassa, immergendosi anche nella natura. Salendo in città alta da via Tre Armi ci si ritrova, percorrendo alcune vie sconosciute ai più, ai piedi di San Vigilio, per poi salire verso il colle e scendere successivamente dalla Ramera, attraversando la ciclopedonale del Parco dei colli, la ciclopedonale del Morla, la Greenway per poi giungere così al traguardo finale. Quest’anno ci sarà una sorpresa nell’ambito dei due percorsi più lunghi, ovvero quello da 12 e 19 km: il tragitto si snoderà anche all’interno dell’Accademia della Guardia di Finanza, normalmente non accessibile al pubblico.

Il percorso da 19 km è adatto a tutti coloro abituati a fare sport o a camminate di questo tipo. L’itinerario è scorrevole ma presenta alcune salite e discese che, però, valgono veramente la pena di essere affrontate. Percorrendo prima Via Tre Armi per poi scendere in direzione Longuelo, ci si dirige verso Astino per poi salire in direzione San Vigilio. Da qui discesa verso la Ramera, percorrendo la ciclopedonale del Parco dei colli, la ciclopedonale del Morla e la Greenway. Una volta qui, manca poco al traguardo conclusivo.

Lungo tutti i tragitti saranno attivi svariati punti ristoro dove i partecipanti potranno bere e rifocillarsi.

Di particolare rilevanza l’attenzione che quest’anno viene riservata all’ambiente: grazie a Uniacque niente bottigliette di plastica infatti, dato che, come ha spiegato Paolo Franco, presidente di Uniacque e consigliere di Regione Lombardia “in tutti i ristori l’acqua verrà captata direttamente dalla rete idrica. Verranno così risparmiate oltre 20mila bottiglie di plastica sulla strada, pari a 450kg di Co2 in meno, grazie all’utilizzo di appositi erogatori in grado di fornire acqua pubblica, fresca e naturalmente servita ai partecipanti in bicchieri di carta riciclabile”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.