BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gasp pensa solo al Genoa: “Gioca chi sta meglio, siamo tutti pronti e concentrati”

Qualche acciacco per Toloi e Palomino. E in attacco: "Non possono giocare tutti ma con tante partite ci sarà posto per tutti. Anche Barrow"

Più informazioni su

“Finalmente si gioca”: Gasperini attacca così la vigilia di Genoa-Atalanta. Non vede l’ora di scendere in campo, in campionato e in Champions.

E dribbla i dubbi della vigilia: “Se gioca uno invece che un altro è perché al momento è più in forma, ma sono tutti titolari”, anche per tenere tutti concentrati e ricordando, appunto, che poi “dipende soprattutto da noi”. E certo Genova è un bel test di avvicinamento a Zagabria.

Ripartiamo allora dal Genoa: “Finalmente si gioca, da tanto tempo ci alleniamo e c’è bisogno di giocare con continuità… Per ora abbiamo fatto un rodaggio con alti e bassi e ora si potranno avere indicazioni più certe. Genova è un campo difficile però noi siamo sempre impegnati fuori.. In trasferta per noi è diventata una consuetudine e non può essere un alibi: serve concentrazione, senza pensare alle prossime partite. E sarà un ottimo test, perché c’è molta attesa anche per la Champions”.

Ecco, c’è il rischio che la squadra giochi con la testa a mercoledì? “Non credo. Arriviamo dalla sconfitta col Torino che brucia e ci sarà l’attenzione giusta”.

Che partita si aspetta dal Genoa? “È un’ottima squadra, ha qualità di gioco, entusiasmo. Però noi possiamo giocare nostra gara e in Serie A tutte le partite sono equilibrate. A Ferrara e con il Torino abbiamo fatto cose buone e altre meno: dobbiamo fare corsa su noi stessi e sapere quali sono i punti deboli del Genoa, con la capacità di migliorarci”.

Chi giocherà, ci sarà turnover? Gasperini non ha dubbi: “In attacco la situazione è molto chiara… Sono in 4 e non possono giocare tutti e con 7 partite in pochi giorni importante è che stiano bene. Barrow è rimasto e sicuramente potrà essere un’arma anche lui, poi le risposte le dà sempre il campo e spero di sfruttare al meglio tutti. In più è arrivato Kjaer, Arana per qualche minuto si è già visto, abbiamo recuperato Castagne. È un organico sufficiente come numeri per avere qualche alternativa in più. Ha giocato Pasalic perché sta facendo molto bene, ma sono tutti titolari e le scelte vengono fatte di volta in volta.. E la difficoltà di avere davanti tante partite…è una bella difficoltà e io ho fiducia in tutti i miei giocatori”.

Più nel dettaglio della formazione, Gasp chiarisce: “Kjaer non è pronto, più facile inserire Arana che è un esterno, però non ci vogliono mesi per inserire anche Kjaer, questione di qualche partita. Toloi e Palomino hanno avuto piccoli problemi, venerdì si sono allenati normalmente e devo vedere, forse non potranno giocare due partite in pochi giorni… C’è anche Ibanez che è qui da tempo. Ha delle doti, certo adesso tutte le partite contano”.

Con Zagabria sarà il suo vero esordio in Champions dopo la breve esperienza con l’Inter? “Sì perché ce lo siamo conquistato… Ma non guardo troppo in là. Dovremo essere bravi a concentrarci sull’avversario, partita per partita. E se facciamo bene in campionato c’è più possibilità di fare bene in coppa, dio questo sono molto convinto. Ma i ragazzi ci sono. Genoa è un campo che dà motivazioni forti alla squadra di casa: è un bel test, dobbiamo stare attenti e soprattutto fare corsa su di noi”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.