BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Federica Bruni: “Addio papà, ricordi Che Guevara? Bisogna essere duri senza perdere la tenerezza”

L'intervento della figlia tra i momenti più intensi della commemorazione a Palafrizzoni per ricordare l'ex sindaco

Al papà ha dedicato una poesia: “Itaca”, del greco Konstantinos Kavafis. Una struggente poesia sul senso della vita, concepita come viaggio verso una meta da raggiungere dopo lunghe peregrinazioni.

L’intervento della figlia di Roberto Bruni, Federica, è tra i momenti più intensi della commemorazione celebrata nel cortile di Palafrizzoni per ricordare l’ex sindaco, scomparso a 70 anni dopo una lunga malattia.

Il riferimento mitologico è al viaggio di Ulisse, nell’Odissea. I versi suggeriscono che non bisogna avere fretta di giungere a destinazione, alla propria “Itaca”, ma piuttosto approfittare del viaggio per esplorare il mondo, crescere intellettualmente e ampliare il proprio patrimonio di conoscenze.

Un messaggio che papà Roberto non ha mancato di mettere in pratica. Lo testimonia la carriera professionale, che lo ha visto costantemente impegnato in ruoli di altro profilo, guadagnando l’affetto e la stima trasversale dei colleghi: da penalista di livello (“il più grande della sua generazione”, lo ha definito l’avvocato Carlo Salvioni“) a quello politico, nei panni di sindaco prima e consigliere regionale poi, fino all’esperienza da presidente in Sacbo. Una delle più importanti aziende del territorio, nella gestione dell’aeroporto di Orio al Serio.

“Ciao papà, la mamma oggi indossa la giacca a bollini della serata della tua elezione, quella sera in cui esplodevi di gioia – ha detto la figlia in lacrime, nascoste dagli occhiali scuri -. Sono sicura che continuerai a trasmetterle la tua forza, pacata ma incontrollabile, per continuare ad essere la “Meri” splendida e solare che tanto hai amato e che tanto ti ha amato”.

Al padre (“amato sindaco socialista”, come ha detto l’amica Pia Locatelli) riserva anche una frase di Che Guevara: “‘Bisogna essere duri senza perdere la tenerezza’. Tu ci riuscivi perfettamente. Continueremo a ricordarti, sempre. Ciao Papà, buon viaggio”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.