BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Festival Orlando - ass. Immaginare Orlando

Informazione Pubblicitaria

In via Tasso uno spettacolo per riflettere su identità e rottura dei confini

Venerdì 13 settembre nel cortile del Palazzo della Provincia andrà in scena “Signorina, lei è un maschio o una femmina?”.

Più informazioni su

Si chiude con uno spettacolo intenso e appassionante il cartellone culturale #orlandoestate2019 dell’Associazione Immaginare Orlando, la stessa che ogni anno organizza il Festival Orlando. Identità, relazioni, possibilità.

Venerdì 13 settembre, alle ore 21 nel Cortile del Palazzo della Provincia in via Tasso 8, va in scena “Signorina, lei è un maschio o una femmina?” di Gloria Giacopini e Giulietta Vacis, sul palco la stessa Gloria Giacopini.

Lo spettacolo, ad ingresso gratuito, viene presentato all’interno della rassegna Eventi Palazzo Provinciale 2019, a cura della Provincia di Bergamo, e con ironia e comicità riflette sulle parole e gli atteggiamenti che si utilizzano per definire le identità femminile e maschile, anche tra bambini e bambine.

«Quando ci hanno chiesto di scrivere un testo contro la violenza sulle donne – spiegano le due registe – qualcosa ci è fortemente risuonato a livello di percezione personale. Ci siamo chieste qual é il momento in cui smettiamo di essere bambini, piccoli umani di cui avere la massima cura, per diventare maschi e femmine? Ci siamo chieste: come succede, e di chi sono le responsabilità? Per farlo siamo ritornate all’infanzia, fino all’età dell’asilo quando le identità sono ancora neutre e quello che percepiamo degli altri è puramente empatico».

Ed ecco che Gloria, bambina che ama il colore blu, deve imparare ad amare il rosa perché “è una femmina” e di blu per femmine in giro non se ne trova. La stessa Gloria che invece di avere una voce fatata di bimba ha un vocione che sembra il Gabibbo, e si sente addirittura suggerire dalla mamma di rispondere “Marco” quando le chiedono “come ti chiami?”, visto che quella vociaccia sembra uno scherzo della natura. Ed è la stessa vociaccia che le fa guadagnare l’amore della compagna di banco, che la vuole a tutti i costi come suo fidanzatino: e non è possibile dissuaderla! Quindi, qui, a cosa siamo di fronte: ad un caso di violenza di una donna su un uomo? O su una donna creduta uomo? Ma… esiste?!?
Il mondo sembra andare in tilt e Gloria finisce per non riconoscersi più. Ed ecco che una sottile, spesso irriconoscibile violenza si insinua già tra i banchi di scuola dell’asilo, dove l’accidentale dimenticanza del grembiulino rosa può bastare a mettere in crisi un’intera identità.

«Ma non sarà che tutte queste classificazioni ci fanno dimenticare gli individui che siamo riducendo la visuale sul concetto di identità?», si chiedono le autrici dello spettacolo.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, non è necessaria la prenotazione. In caso di pioggia lo spettacolo si svolge sotto i portici dello stesso Palazzo della Provincia.

La serata fa parte del #progettoProspettiveDifferenti dell’Associazione Immaginare Orlando.
Maggiori informazioni e dettagli si trovano sul sito www.orlandofestival.it

Trailer video dello spettacolo

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.