BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caso Foppolo in tribunale: archiviato l’incendio, ecco i primi patteggiamenti

L'ex sindaco Giuseppe Berera e il collega di Valleve Santo Cattaneo in aula il 24 settembre

Era e resta un mistero l’incendio doloso appiccato tra il 7 e l’8 luglio 2016 alle seggiovie Quarta Baita e Montebello di Foppolo. Martedì mattina, 10 settembre, il giudice per le indagini preliminari Vito Di Vita, su richiesta del pubblico ministero Gianluigi Dettori, titolare dell’inchiesta, ha archiviato il procedimento sulle fiamme che fecero decollare le indagini sul comprensorio dell’alta Valle Brembana.

L’UDIENZA PRELIMINARE

Martedì mattina si è tenuta anche l’udienza preliminare per il filone principale dell’inchiesta. Le accuse vanno dall’associazione a delinquere per bancarotta fraudolenta alla turbativa d’asta, truffa alla Regione Lombardia e corruzione per una presunta tangente da 75 mila euro.

Quattro dei 17 imputati hanno patteggiato: 2 anni (pena sospesa) sono andati all’imprenditore Gianfranco Montini, che avrebbe messo a disposizione i suoi conti correnti austriaci per far transitare 75mila euro versati dall’imprenditore bresciano Sergio Lima, e prelevati dall’ex sindaco di Foppolo: il denaro, secondo l’accusa, sarebbe una tangente versata da Lima a Berera come ricompensa per i lavori assegnati direttamente alle società dell’imprenditore bresciano, senza passare da bandi pubblici.

Due anni (sempre con pena sospesa) ha patteggiato anche Alberto Boselli, ritenuto collaboratore e prestanome di Lima. Un anno e 8 mesi, invece, per Roberta Valota, moglie di Berera ed ex impiegata della Bss, nei confronti della quale il gup ha disposto anche la confisca di 230mila euro. Otto mesi, infine, è il patteggiamento ottenuto da Elena Zaccarini, collaboratrice a sua volta ritenuta prestanome di Lima. Il gup ha invece respinta l’istanza di patteggiamento avanzata dallo stesso Lima (2 anni e 11 mesi), ritenendolo inammissibile.

Il 24 settembre verranno discussi i processi degli imputati che hanno optato per il giudizio con il rito abbreviato (tra cui Berera e l’ex sindaco di Valleve, Santo Cattaneo) e i rinvii a giudizio degli imputati che invece non hanno fatto ricorso a riti alternativi.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.