Il Cardinale Tagle in visita a Palazzo Frizzoni - BergamoNews
Bergamo

Il Cardinale Tagle in visita a Palazzo Frizzoni

Tagle è anche presidente di Caritas Internationale e l'impegno di Caritas, a Bergamo come all’estero è stato uno degli argomenti della chiacchierata nello studio del Sindaco a Palazzo Frizzoni.

Il Sindaco Giorgio Gori ha incontrato nel pomeriggio di venerdì 6 settembre il Cardinale e arcivescovo di Manila Luis Antonio Gokim Tagle, a Bergamo per partecipare all’edizione 2019 di Molte Fedi sotto lo stesso cielo, organizzata da Acli con il patrocinio, tra gli altri, del Comune di Bergamo.

Uomo di grande semplicità e dal sorriso contagioso, studioso di teologia, materia che insegna a Manila, Tagle è autore di molti libri e Presidente del Sinodo straordinario per la famiglia, nominato da Papa Francesco, e parla un ottimo italiano, una delle tante lingue padroneggiate da Cardinale. Tagle è anche presidente di Caritas Internationale e l’impegno di Caritas, a Bergamo come all’estero è stato uno degli argomenti della chiacchierata nello studio del Sindaco a Palazzo Frizzoni.

Durante l’incontro, durato circa un’ora, Gori e Tagle hanno parlato di molti argomenti, a partire proprio dalla partecipazione a Molte Fedi nella Basilica di Santa Maria Maggiore con Susanna Tamaro, della situazione politica nelle Filippine e nel sud est asiatico, del recente viaggio di Tagle in Bangladesh e Sri Lanka.

L’arcivescovo di Manila sabato 7 settembre volerà in Sicilia per ritirare il premio “Palma della Pace – Giorgio La Pira”, che gli verrà conferito in serata a Pozzallo: il premio è stato occasione per parlare di diritti umani e di migrazioni, visto anche che il piccolo comune siciliano è stato uno dei porti in cui sono sbarcati più migranti negli ultimi anni.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it