BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Contro le ludopatie, per stili di vita sani: firmato l’accordo tra Atalanta e Ats Bergamo

I calciatori nerazzurri avranno il ruolo di testimonial nel progetto

“Oggi è un giorno importante per la prevenzione della ludopatia, la promozione di stili di vita corretti e dell’uso consapevole dei social media. L’accordo di collaborazione che abbiamo siglato con ATS Bergamo e la società Atalanta permetterà di comunicare direttamente ai più giovani valori e messaggi importanti, utilizzando come veicolo di diffusione un esempio tanto positivo e corretto nel mondo del calcio in Italia e a livello internazionale”.

Così Giulio Gallera assessore al Welfare di regione Lombardia oggi, presso il Centro Sportivo Bortolotti dell’Atalanta di Zingonia, in occasione della firma della convenzione tra la società calcistica e l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo per la promozione della salute. A sottoscrivere l’accordo Massimo Giupponi, direttore di Ats Bergamo, e Stefano Bonaccorso, responsabile delle attività di base di Atalanta B.C..

“Il calcio nasce nella testa finisce nei piedi e passa attraverso il cuore: ciò significa benessere fisico, mentale e socio-relazionale. Siamo contenti di dare il nostro contributo all’azione di Ats Bergamo: ludopatie, sedentarietà e utilizzo consapevole dei social sono i temi che ci stanno più a cuore. Lo sport di squadra ha come centro la collaborazione e noi siamo pronti a fare la nostra parte”, ha dichiarato Bonaccorso.

Atalanta Ats

“Atalanta sta vivendo una fase eccezionale che vede un forte riconoscimento del territorio in tutto quello che la riguarda. Per l’Agenzia di Tutela della Salute la prevenzione è un tema essenziale, anche in considerazione dell’impatto dei costi sanitari sulle casse pubbliche. Trasmettere determinati messaggi avendo Atalanta al nostro fianco ci consente di potenziare enormemente il messaggio”, ha aggiunto Massimo Giupponi.

La convenzione, esempio di partenariato pubblico e privato, prima esperienza del genere per il sistema sanitario regionale, verterà inizialmente su tre temi. Innanzitutto la diffusione dell’app Moovin’ (che vede Ats Bergamo tra i promotori) e il suo potenziamento, quindi la ludopatia (una vera e propria malattia con pesanti ricadute sociali ed economiche) e infine la diffusione di stili di vita e buone abitudini (punto di partenza per una vita adulta e una vecchiaia sane).

Alla firma della convenzione hanno preso parte anche l’assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda di Regione Lombardia e delegato Coni Lara Magoni e i consiglieri regionali bergamaschi Paolo Franco e Giovanni Malanchini.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.