BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Casoncelli, hamburger e salame: il menù a km 0 della mensa scolastica di Fontanella

L'annuncio del sindaco Mauro Brambilla: "Negli anni scorsi troppe verdure e polpette di ceci che non piacevano e finivano nel cestino, ora si cambia"

“Basta polpette di ceci e verdure che i bambini non mangiano e che finiscono nel cestino: per i nostri studenti abbiamo pensato a un menù a km 0”. È l’annuncio del sindaco di Fontanella Mauro Brambilla, che ha perfezionato la novità per l’anno scolastico 2019-’20 in arrivo.

“Diversi genitori e ragazzi si sono lamentati per i menù degli scorsi anni: troppe polpette di ceci e verdure che spesso i bambini non mangiavano con la conseguenza di un inutile spreco di cibo. Da qui – spiega il primo cittadino – la decisione di avviare un confronto tra l’assessore alla Scuola Maddalena Frassi e l’azienda che fornisce il servizio mensa per riorganizzare già da quest’anno il menù scolastico ci ha consentito di ottenere un menù più ‘nostrano’ con piatti realizzati con tanti prodotti di qualità del territorio mantenendo invariato il costo per le nostre famiglie”.

Gli studenti di Fontanella troveranno così nei prossimi menù scolastici casoncelli, hamburger di manzo, salame, prosciutto cotto e formaggi, “tutti preparati con un elenco di prodotti acquistati rigorosamente da aziende del territorio” sottolinea Brambilla.

Mauro Brambilla, sindaco di Fontanella
Mauro Brambilla sindaco Fontanella

“Nel 2020, inoltre – aggiunge il sindaco Brambilla -, dovremo rifare il bando per la fornitura dei cibi delle nostre mense: l’assessore Maddalena Frassi è già al lavoro per impostare con me un bando che preveda un’alta percentuale di prodotti del territorio e che escluda del tutto prodotti che non siano Made in Italy”.

“Difendere e salvaguardare le nostre aziende e i nostri prodotti è una nostra priorità – conclude il primo cittadino della Bassa -, così come lo è la salute dei nostri ragazzi, ai quali fin da piccoli e già dai banchi di scuola vogliamo trasmettere la cultura del mangiare sano per vivere meglio”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.