BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caravaggio, la demolizione del mitico Studio Zeta entra nel vivo

Al posto della storica discoteca, chiusa dal 2012, sorgerà nei prossimi mesi un nuovo polo commerciale

Ultime occasioni per vedere lo storico Studio Zeta di Caravaggio. Nelle scorse ore, infatti, le ruspe hanno fatto capolino nel piazzale della discoteca e hanno iniziato a demolire gran parte dell’edificio. I lavori, partiti ufficialmente il 17 luglio, sono entrati nel vivo con operai e macchine da lavoro che hanno iniziato a smantellare quella che fu una delle sale da ballo più famose della Lombardia e non solo.

Studio Zeta

Le immagini dello “Studio” che viene demolito faranno sicuramente insorgere un po’ di tristezza in tutti coloro che negli anni sono stati degli aficionado della “balera” caravaggina, che dall’apertura nel lontano 1985 ha attirato centinaia di personaggi famosi e migliaia di amanti della musica.

L’attività della discoteca, che ospitava al suo interno anche un’emittente radio molto popolare, è cessata nel 2012, con i primi progetti di riqualifica che risalgono al 2016.

Ruspe in azione dove sorgeva lo Studio Zeta
Studio Zeta

Dopo anni d’attesa, e inutili speranze di un ripensamento da parte di molti ex avventori, entro ottobre lo Studio Zeta non ci sarà più, e al suo posto, come confermato anche da Angelo Zibetti – il famoso Angelotto fondatore della discoteca – prenderà vita un nuovo polo commerciale che si spera possa “dare continuità e lustro a quello che è stato lo Studio Zeta, sperando che nasca un’area che dia risalto anche alla città di Caravaggio” come ha affermato poco tempo fa dallo stesso Zibetti in un’intervista.

Studio Zeta
Studio Zeta

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.