A Osio Sopra l'ultimo saluto a Elena, la 19enne morta nel rogo in ospedale - BergamoNews
I funerali

A Osio Sopra l’ultimo saluto a Elena, la 19enne morta nel rogo in ospedale fotogallery

Dopo la funzione la salma tumulata nel cimitero monumentale di Bergamo: sul caso la procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo

Le urla di dolore della madre, lancinanti, sono un crampo al cuore.

Si odono ben al di fuori della chiesa parrocchiale di Osio Sopra, dove lunedì mattina, 2 settembre, si è celebrato il funerale di Elena Casetto, la 19enne vittima del rogo che il 13 agosto si è propagato nel reparto di psichiatria dell’ospedale Papa Giovanni di Bergamo.

Per il funerale, celebrato da don Luca Guerinoni, le comunità brasiliane di Bergamo e Brescia hanno raccolto fondi in segno di solidarietà. La salma di Elena Casetto sarà invece tumulata nel cimitero di Bergamo.

Quanto successo al terzo piano della Torre 7 dell’ospedale Papa Giovanni resta da chiarire. La Procura ha aperto un fascicolo, al momento contro ignoti, per omicidio colposo.

Più informazioni
leggi anche
  • Il 13 agosto 2019
    Elena morì nel rogo in ospedale: “Mai più contenzione nelle strutture sanitarie”
    Elena Casetto
  • Bergamo
    Morì nell’incendio del Papa Giovanni: “La ricorderemo in silenzio, senza slogan urlati”
    incendio ospedale
  • La lettera
    Morì tra le fiamme legata al letto dell’ospedale, si colmino le lacune del sistema sanitario
    Elena Casetto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it