Quantcast
Il gioco d'azzardo analizzato da un esperto: ecco #APPeal, il libro di Matteo Copia - BergamoNews
L'intervista

Il gioco d’azzardo analizzato da un esperto: ecco #APPeal, il libro di Matteo Copia

Il comandante della polizia locale di Treviolo e Lallio ha pubblicato il suo primo lavoro: "Non volevo andassero persi anni di studi e approfondimenti sul tema"

Il fascino del gioco d’azzardo, e non solo, analizzato con occhi critici e selettivi, mettendo a nudo i pericoli della rete che possono colpire chiunque, dal giovane fino all’anziano. È questo, in sintesi, il contenuto di #APPeal, il nuovo libro di Matteo Copia, comandante della polizia locale di Treviolo, Lallio e di alcuni paesi della Bassa bergamasca.

Copia, da sempre attento alle tematiche legate ai più giovani e alle fragilità, ha deciso di intraprendere questo viaggio all’interno dell’intricato mondo del gioco, analizzandone vari aspetti. Dal “caso” Fortnite, il popolare videogames diffuso tra i ragazzi che indurrebbe a una sorta di dipendenza – con tanto di portafogli che si sgonfia per acquistare sempre nuovi gadget ingame – alla piaga del gioco d’azzardo vero e proprio che colpisce principalmente anziani e lavoratori ma che sta prendendo sempre più piede anche tra i giovanissimi. Un viaggio a tutto tondo in una realtà ancora oggi poco conosciuta, ma in forte crescita a livello nazionale.

“Da tempo – rivela Matteo Copia – coltivavo l’idea di lasciare traccia degli studi e degli approfondimenti fatti sul tema del gioco, grazie anche agli amici di Bergamo Rete Sociale, ai professionisti che con me hanno condiviso i momenti formativi e agli stessi studenti che ho incontrato negli anni. Lo studio del marketing – lo scrittore è sul procinto di ottenere una nuova laurea proprio in questo settore – è stata l’occasione per comprendere alcune dinamiche e coronare il progetto”.

Matteo Copia
Il comandante Matteo Copia

Nelle 266 pagine che compongono lo scritto, come detto, vengono trattate varie tipologie di gioco che coinvolgono tutti, giovani e meno giovani. Proprio per questo motivo il testo è adatto a tutti, anche per via della pluralità degli argomenti trattati: “Il libro è diretto a tutti – afferma l’autore – famiglie, ragazzi, anziani. Non è un romanzo, è più un foglio illustrativo del gioco: raccoglie ‘istruzioni d’uso’ ed ‘effetti collaterali’ come per i medicinali. Credo si faccia leggere tutto d’un fiato, grazie anche al richiamo ai tanti luminari del settore che ho inserito all’interno. Si tratta di un viaggio nel mondo 4.0, che porta a conoscere chi offre e chi riceve il gioco, chi ci guadagna e chi ci rimette – sottolinea Copia -. Ho cercato di scovare tutti gli attori e analizzare il contesto del gioco nel ventunesimo secolo”.

Uscire dalla spirale del gioco è possibile, e questo lo ribadisce anche lo scrittore: “Se potessi permettermi una battuta, direi che si può uscirne anche leggendo questo libro. Il tema, però, è davvero delicato: anzitutto bisogna ammettere il ‘vizio’ e farsi aiutare. Oltre al lavoro fondamentale della famiglia, Bergamo offre strutture eccellenti per poter affrontare questo tipo di dipendenza”.

Il messaggio che il libro di Matteo Copia vuole lanciare è ben chiaro: la problematica è reale e va trattata e gestita al più presto: “Internet è una risorsa pazzesca – commenta il narratore – da conoscere e sfruttare al meglio, però sarebbe l’ideale diffondere e condividere una ‘cultura della rete’. Quanto al gioco d’azzardo, i numeri impongono una riflessione profonda. Le istituzioni devono riuscire a contemperare tutti gli interessi. Il settore gioco dà lavoro a circa 150.000 operatori, spegnere le ‘macchinette’ diventerebbe un problema sociale e, da non sottovalutare, di entrate tributarie. Credo che sia ora di guardarsi in faccia e creare un confronto. Mi piacerebbe inoltre riscoprire un dialogo generazionale diretto, restituire il giusto valore educativo all’anziano, ritrovare il fascino di ogni età, in cui l’autonomia dei più piccoli sia preferita all’abbandono”.

Per la prima presentazione ufficiale dello scritto Matteo Copia sceglie Bergamonews, una testata online che ben si sposa con le tematiche social e web trattate nel testo: “A chi affidare la presentazione di un libro che richiama ‘Il fascino della rete’, se non a una testata giornalistica online? E la redazione di Bergamonews è perfetta. Con un collega sto inoltre lavorando a un progetto dedicato ai più piccoli, ma vi terrò informati. Nel frattempo lo scritto è già disponibile nei migliori store online sia in formato cartaceo che in formato eReader. Spero possa essere d’aiuto a tutte le persone che necessitano di una guida e un sostegno per questo tipo di problemi”

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI