BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Morto a 5 anni dopo il bagno in piscina, oggi l’autopsia sul corpo del piccolo Tommaso

Il pubblico ministero di turno, Enrica Medori, vuole conferme dall'anatomopatologo Giuseppe Sciarra riguardo l'ipotesi della possibile congestione come causa del decesso

Una tragedia assurda. Un dramma che ha scosso un’intera comunità. Quella di Cornalita, frazione di San Giovanni Bianco, incredula per la morte del piccolo Tommaso Galizzi, di soli 5 anni, a Silvi Marina (Teramo) dove si trovava in vacanza con il papà Riccardo, la mamma Cristina Milesi, il fratello Filippo di 8 anni e gli zii.

Il dramma si è consumato giovedì pomeriggio, 29 agosto, nella piscina dell’albergo. Un malore improvviso che non gli ha lasciato scampo e ha reso inutili i soccorsi.

Le urla degli amichetti con cui stava giocando in piscina hanno richiamato l’attenzione del bagnino, che si è prontamente tuffato per tirare il piccolo fuori dall’acqua. Una volta adagiato a bordo piscina gli è stato praticato il massaggio cardiaco in attesa dell’arrivo dei sanitari, che a loro volta si sono a lungo prodigati nelle manovre rianimatorie. Purtroppo, senza esito.

Questa mattina, all’ospedale Mazzini di Teramo, sarà eseguita l’autopsia sul corpicino di Tommaso. Il pubblico ministero di turno, Enrica Medori, vuole conferme dall’anatomopatologo Giuseppe Sciarra riguardo l’ipotesi della possibile congestione come causa del decesso del piccolo (durante quei drammatici minuti, il piccolo avrebbe rimesso il pasto consumato qualche ora prima, segno che non aveva ancora digerito). Dalla prima ispezione cadaverica non sono stati trovati segni di traumi che facciano pensare a un colpo ricevuto mentre faceva il bagno e che può aver provocato la perdita dei sensi di Tommaso, finito sott’acqua in pochi secondi.

Lo dimostra anche il fatto che i carabinieri della stazione di Silvi Marina di Giulianova, che hanno avviato le indagini, non hanno posto sotto sequestro la piscina. L’impianto natatorio è risultato in regola e al momento non sono state formulate ipotesi di reato a carico di nessuno.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.