BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Dite sì a Conte”: sulla bacheca di Misiani l’appello dei sostenitori Dem

Non solo a Zingaretti, anche a Bergamo il post del senatore Antonio Misiani, che coordina il tavolo sull’economia e che nel totonomi è dato come possibile ministro, riceve appelli inequivocabili

‪Militanti o semplici simpatizzanti del Partito democratico (o di sinistra più in generale) stanno inondando le bacheche dei leader con messaggi inequivocabili: “Dite sì a Conte premier”.

Succede a livello nazionale dove, dopo la conferenza stampa di domenica pomeriggio del segretario Nicola Zingaretti commentatori abituali della sua pagina (non troll e neanche grillini) invitano a rivedere il “no” pronunciato a chiare lettere.

Ma succede anche a Bergamo dove il post del senatore Antonio Misiani, che coordina il tavolo sull’economia e che nel totonomi è dato come possibile ministro, riceve appelli chiarissimi da parte di sostenitori Dem.

Scrive Giovanni Gambaro: “Vi prego, non vi impuntate su un nome. I 5Stelle hanno governato con Salvini. La discontinuità sia nel programma. Conte non può essere inutilmente un simbolo”.

E il sindacalista Marcello Gibellini: “Il Conte dopo l’arringa che ha fatto in parlamento contro Salvini è discontinuità, ed il taglio dei parlamentari non credo dispiaccia a molti”.

Gli fa eco Antonio: “Mi raccomando, non mandate tutto all’aria per un nome, l’importante è il cambio di rotta. Ok, misurate la vostra forza ma non rompete la corda!”

Ma poi altri come Dario: “Che il Pd non si faccia sfuggire questa occasione. La discontinuità dev’essere nel programma da attuare e, conseguentemente, nei fatti. E se Conte è il prezzo da pagare, è il male minore: a livello europeo, dopotutto, ha una decente credibilità agli occhi degli interlocutori”.

E Cesare: “Io direi che sarebbe meglio chiudere, pure accettando Conte, che con Salvini avrà abbozzato tuttavia si sta dimostrando di buona statura anche a livello internazionale”.

Anche se non manca chi ammonisce, come Antonello: “Dopo aver dichiarato discontinuità, almeno lasciate trattare prima di concedere Conte”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.