Quantcast
L'abbraccio della moglie e delle figlie di Gimondi a chi ha partecipato al loro lutto - BergamoNews
"grazie"

L’abbraccio della moglie e delle figlie di Gimondi a chi ha partecipato al loro lutto

"Abbracciamo simbolicamente tutti i tifosi di Felice che gli hanno dedicato un ultimo lunghissimo applauso per salutarlo e tutti coloro che gli hanno rivolto un pensiero o una preghiera"

Sul proprio profilo Facebook Norma Gimondi, figlia del campione Felice, morto venerdì scorso e di cui si sono celebrate le esequie martedì, ringrazia a nome della famiglia tutti coloro che hanno partecipato al lutto che le ha colpite all’improvviso.

“Seppure ancora profondamente frastornate dal dolore che stiamo vivendo per la perdita del nostro caro Felice – scrive Norma – riteniamo doveroso ringraziare tutti coloro che (in modi diversi) hanno partecipato alla nostra sofferenza. In particolare rivolgiamo un sentito ringraziamento al capo di gabinetto del Viminale, dott. Matteo Piantedosi, al Prefetto di Bergamo, dott.ssa Elisabetta Margiacchi, al Questore di Bergamo, dott. Maurizio Auriemma, al Sindaco di Paladina, GianMaria Brignoli, al Sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, al Sindaco di Diano Marina, Giacomo Chiappori e all’assessore regionale Lara Magoni. Tutte le autorità civili e militati. Un abbraccio a chi, in questo triste frangente, ci è stato vicino come fosse un fratello: dott. Mimmo Fichera, Pino La Rocca, Beppe Manenti, Giovanni Bettineschi, Massimo Gimondi, Don Mansueto Callioni e Don Vittorio Rossi. Abbracciamo, infine, simbolicamente tutti i tifosi di Felice che gli hanno dedicato un ultimo lunghissimo applauso per salutarlo e tutti coloro che gli hanno rivolto un pensiero o una preghiera. Vi abbracciamo affettuosamente. Tiziana con Norma e Federica”.

 

leggi anche
camere ardente felice gimondi
L'anniversario
Un anno senza Felice Gimondi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it