Lovere al concorso di Wikimedia: 3 monumenti da fotografare per partecipare - BergamoNews
Come fare

Lovere al concorso di Wikimedia: 3 monumenti da fotografare per partecipare

la quattrocentesca Basilica di S. Maria in Valvendra, il Museo civico di scienze naturali "A. Amighetti" e la trecentesca Torre Civica

Il Comune di Lovere aderisce per la prima volta a “Wiki Loves Monuments Italia“, il più grande concorso fotografico al mondo promosso da Wikimedia Italia con l’obiettivo di documentare e valorizzare l’immenso patrimonio culturale e artistico italiano rendendolo accessibile a tutti attraverso Wikipedia e Wikimedia Commons.

Il concorso, giunto quest’anno all’ottava edizione, si svolgerà nel mese di settembre 2019 e sarà aperto alla partecipazione di tutti i cittadini (fotografi professionisti e dilettanti senza alcuna restrizione di età), che saranno chiamati a immortalare e pubblicare con licenza libera scatti che ritraggono i monumenti del nostro Paese.

Sono tre i luoghi candidati dall’Amministrazione comunale, liberamente fotografabili: la quattrocentesca Basilica di S. Maria in Valvendra, il Museo civico di scienze naturali “A. Amighetti” e la trecentesca Torre Civica, che sarà fotografabile dalla seconda metà di settembre in seguito alla conclusione degli importanti lavori di recupero degli intonaci esterni e della cella campanaria.

Una volta scelto il monumento e scattata la foto, sarà possibile caricarla dall’1 al 30 settembre 2019 seguendo le istruzioni illustrate al link https://wikilovesmonuments.wikimedia.it/concorso-fotografico-wlm.

Maggiori informazioni sull’iniziativa sono disponibili sul sito di “Wiki Loves Monuments Italia” all’indirizzo http://wikilovesmonuments.wikimedia.it

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it