BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

LAFONTE

Informazione Pubblicitaria

Se l’albero genealogico ci insegna a vivere meglio

Dalla scuola LaFonte un’intera area di corsi sulla psicogenalogia. Curtaz: "La storia della famiglia aiuta a leggere se stessi e a superare traumi e conflitti". Il 14 settembre workshop divulgativo ed esperienziale a Dalmine

Più informazioni su

Hai il carattere di tuo padre“. “Perché non sei come tua sorella?“. Che la famiglia, oltre a consegnare il patrimonio genetico, abbia influenza su chi si è e cosa si fa è un dato acquisito.

Ciò che generalmente non si sa è che proprio dentro la storia familiare si può trovare una chiave per capire la propria vita, riconoscere e aggiustare ciò che non va, trovare autenticità e realizzazione.

La psicogenalogia è una tecnica che guida tra le fronde dell’albero genealogico per mostrare quanto fatti e situazioni del passato continuino ad agire nelle dinamiche del presente e da qui cominciare ad interpretare con maggiore consapevolezza e libertà il proprio percorso.

genealogia

A Bergamo esiste una scuola interamente dedicata a questo approccio, si chiama Genus ed è “figlia” dell’associazione LaFonte, affermata realtà formativa nel campo delle discipline bionaturali, con sede in via Buratti.

Genus

Come nasce Genus?

Un po’ come LaFonte – racconta il responsabile didattico Maurizio Curtaz –, Genus nasce dal desiderio di condividere l’esperienza e la ricerca personale prima che di sviluppare e differenziare l’offerta dei corsi.

Lo shiatsu, la disciplina che ha dato il via alla scuola, ci ha insegnato che siamo tutti collegati, che trattando una persona entriamo in contatto con tutta l’umanità. Lo spunto arriva da qui. Restringendo il campo alla dimensione familiare, la psicogenalogia ci dice che ognuno fa parte di un sistema che trasmette di generazione in generazione attraverso l’inconscio la propria storia, i propri sogni e i propri traumi“.

Maurizio Curtaz

Significa che ciò che crediamo dipenda dalle nostre scelte, in realtà, è già stato scritto?

È scioccante rendersene conto ma è così, almeno in alcuni snodi importanti dell’esistenza. Non capita mai di chiedersi perché si vivano sempre gli stessi conflitti relazionali, perché si ripresentino gli stessi problemi, perché certe cose accadano sempre in quelle date?

È il sistema familiare, l’albero genealogico, che ce lo chiede. Gli avi ci affidano un compito. Metaforicamente si parla di un libro di debiti e crediti e di conti devono essere portati in pareggio“.

Il biblico “la colpa dei padri ricade sui figli”…

Esattamente. Il concetto del sistema familiare e di come opera è ben presente sin dall’antichità, ma oggi se ne ha una percezione minima. Non si fatica a dire che un figlio ci somiglia o ha preso dal nonno quel talento, ma non si va oltre“.

Che fondamenti scientifici ha la psicogenealogia?

Il metodo è stato sviluppato a partire dagli anni Settanta da Anne Ancelin Schützenberger, psicologa e psicoterapeuta francese scomparsa nel 2018, ma è dagli inizi del Novecento che gli studiosi di psichiatria e psicoanalisi mettono in luce la trasmissione lungo le generazioni di disturbi e psicosi, parlando anche di “fantasmi transgenerazionali”, segreti che passano inconsciamente e influiscono, in questi casi patologicamente, sul paziente”.

In cosa consistono i vostri corsi?

Il corso principale è diviso in due livelli, ciascuno composto da cinque giornate intensive: un sabato al mese da ottobre a febbraio per il “base”; altri cinque, da febbraio a fine maggio, per il secondo livello. Un’ampia parte è dedicata agli studi e alle teorie relative alle tematiche familiari dagli inizi del Novecento ad oggi, compresi gli sviluppi più recenti. Supportati da tecniche di meditazione e corporee che facilitano la connessione con il campo familiare, s’impara poi a comporre, studiare e interpretare il proprio albero psicogenelogico, o genosociogramma secondo la terminologia di Schützenberger“.

genealogia

Dall’albero inizia la “rinascita”?

L’albero non è fatto solo di nomi e date, diventa la mappa o meglio il romanzo della propria storia. Riconoscere che certi atteggiamenti, ruoli e fardelli provengono da lì è la svolta per riappacificarsi con il passato, ritrovare il piacere di sentirsi autentici e interrompere la trasmissione inconscia di traumi alle generazioni successive“.

Chi può affrontare questo percorso?

Non servono conoscenze né esperienze precedenti, ma occorre essere disposti a mettere in campo se stessi e la propria storia, accettare anche di confrontarsi con sofferenze e fatti drammatici, questo sì. Non è da tutti, lo dico con franchezza. Tuttavia l’approccio che proponiamo è graduale, si comincia con le teorie e gli studi sulla trasmissione transgenerazionale e i fenomeni associati, che rappresentano già un’affascinante scoperta e un’opportunità per riflettere su certe dinamiche e modalità.

All’interno di Genus ci sono anche brevi laboratori a tema (https://psicogenealogia.lafonteshiatsu.it/workshop/introduzione-ai-workshop.html) che permettono di affacciarsi alla psicogenalogia, utilizzando, ad esempio, l’astrologia, le fotografie, l’arte“.

Per incontrare la psicogenalogia, LaFonte e Genus propongono un workshop divulgativo ed esperienziale sabato 14 settembre, dalle 14.30 alle 19 all’erboristeria La Bottega delle Fate di Dalmine (via Buttaro, 5/a).

Costo di partecipazione: 20 euro da pagarsi in contanti prima dell’inizio del Workshop

Per iscrizioni: 035 563723 – labottegadellefate2017@gmail.com

Genus

L’appuntamento illustra le basi teoriche e scientifiche dei metodi d’indagine transgenerazionale e come possono essere d’aiuto in un percorso di ricerca e crescita personale.

Si accompagna a semplici esercizi pratici che facilitano il contatto con il proprio campo familiare.

La presentazione del programma del corso (al via il 26 ottobre) è invece fissata sabato 21 e domenica 22 settembre, dalle 14.30 alle 15.30, all’interno dell’open day della scuola che permette di conoscere tutte le proposte formative della stagione 2019-20.

Contatti
Genus
Scuola di psicogenealogia
Maurizio Curtaz (cell. 327 2374228)
info@lafonteshiatsu.itpsicogenealogia.lafonteshiatsu.it

 

 

 

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.