BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lobati: “Il passaggio con Toti? Scelta sofferta, ma obbligata”

Dopo l’annuncio dell’addio a Forza Italia da parte del governatore ligure, anche il presidente della Comunità Montana Valle Brembana comunica la propria adesione a “Cambiamo”. Con lui diversi amministratori orobici, tra cui i presidenti della Comunità Montana Val Seriana e di Scalve.

Sono passati pochi giorni dalla costituzione ufficiale di “Cambiamo”, il nuovo soggetto politico del governatore ligure Giovanni Toti dopo l’uscita da Forza Italia, e cominciano ad arrivare le prime adesioni da parte di (ormai ex) appartenenti al partito di Silvio Berlusconi. Tra questi, anche diversi amministratori orobici, che non hanno esitato a pronunciarsi in merito anche tramite social network.

“Dopo l’addio a Forza Italia, ho deciso di rilanciare il mio impegno politico da militante a fianco di Giovanni Toti e del suo progetto. Un nuovo inizio, un nuovo percorso a fianco di tanti amici e di un grande Presidente”. Questo l’annuncio di Jonathan Lobati, sindaco di Lenna, neoeletto presidente della Comunità Montana Valle Brembana, che dal 2013 è stato segretario regionale Giovani di Forza Italia.

Un partito che ora non lo vede più tra le proprie fila. “È stata una scelta sofferta, – spiega Lobati – ma il partito non mostra più prospettive, non ha idee chiare, è senza una linea politica. Il passaggio a “Cambiamo” di Giovanni Toti è stata quasi una scelta obbligata”. Una scelta condivisa anche con diversi amministratori orobici, come dimostrato dalla fotografia postata qualche giorno fa sul proprio profilo Facebook dall’onorevole bergamasco Stefano Benigni: con lui, alla grigliata organizzata da Pietro Orrù (presidente della Comunità Montana di Scalve) a Vilminore, si vedono, tra gli altri, anche Lobati e Giampiero Calegari, presidente della Comunità Montana Val Seriana.

lobati benigni

“Si apre un percorso nuovo – spiega Lobati, – diverse persone, all’interno del nostro gruppo, in particolare in Valle Brembana, ci seguiranno”.

Un cambio di prospettiva che ha ricadute anche dal punto di vista nazionale, dove la situazione è in continuo divenire. “Vedremo cosa succederà nelle prossime ore, se si andrà al voto o meno. Il mio auspicio è quello che si vada a votare presto, in tempi utili, con idee chiare”. Idee chiare proprio a partire dalle alleanze: “Poteremo un programma ben delineato, in accordo con Salvini e Meloni”.

Nel frattempo, si sta organizzando una convention regionale di “Cambiamo”, l’ennesimo passaggio ufficiale per un taglio netto con il passato. Come quello del presidente Lobati con il suo vecchio partito: “Cosa resta di Forza Italia? Sinceramente non lo so, bisogna chiederlo a loro”. Anche se la crisi di governo e le rinnovate (almeno per il momento) proposte di alleanze tra i berluscones e la Lega di Matteo Salvini fanno ensare che Forza Italia non sia proprio defunta.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.