BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Petizione contro la chiusura del Setai: raccolte oltre 2mila firme

Una petizione su Change.org rivolta al sindaco di Orio al Serio, Alessandro Colletta, contro la chiusura della discoteca Setai voluta dal Questore di Bergamo Maurizio Auriemma, ha già raccolto oltre due mila firme in poche ore. 

Più informazioni su

Una petizione su Change.org rivolta al sindaco di Orio al Serio, Alessandro Colletta, contro la chiusura della discoteca Setai voluta dal Questore di Bergamo Maurizio Auriemma, ha già raccolto oltre due mila firme in poche ore.
La decisione del Questore di Bergamo era giunta dopo la morte di due giovani di Bergamo, Luca Carissimi 21 anni e Matteo Ferrari 18, vittime di un incidente stradale a seguito di una lite nel locale e proseguita poi nel parcheggio del Setai.

Ecco che cosa chiede Daniela, dipendente del Setai, in questa petizione.

Ciao sono Daniela, lavoro al Setai da tanti anni, ormai è come la mia seconda casa ed ora la vogliono chiudere. Per sempre.

Faccio parte di quella schiera di persone che hanno deciso di svolgere un secondo lavoro in orario notturno e durante il weekend. Ora io, come circa un centinaio di miei colleghi, ci troviamo senza alcun preavviso, senza stipendio.

Nel corso degli anni la direzione del club per il quale lavoro ha assunto diverse misure atte a prevenire l’abuso di alcool. Il personale dedicato alla sicurezza, nelle serate in cui è permesso l’ingresso anche ai minorenni, chiede sempre l’esibizione del documento d’identità. All’ingresso con il costo del biglietto è compreso un drink analcolico. Per l’acquisto di drink alcolici alle casse bar deve essere esibito il documento d’identità.

Se non fosse abbastanza, durante tutte le serate è sempre presente in loco un’ambulanza, pagata direttamente dal locale per il quale lavoro, come tutela maggiore.

Tutti siamo restati colpiti da quello che è successo quella tragica notte, due ragazzi se ne sono volati via per una banale lite e questo è assolutamente inaccettabile. Ma che colpa ne abbiamo noi? Che colpa ne ha la direzione per cui lavoro?

Faccio appello a tutti voi. Aiutatemi a far sentire la nostra voce alle istituzioni, aiutatemi a sensibilizzare l’opinione pubblica che un locale non è droga e perdizione. Che non è togliendo una licenza che risolviamo il problema che sta alla base dei giovani di oggi: il divertimento responsabile!

4 Agosto. 4 della mattina. Si è spenta la musica.

Io non ci sto.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.