BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via ai lavori per sistemare il PalaFacchetti danneggiato dal maltempo

Rinviata di un mese l'apertura che era stata annunciata per il 15 ottobre

I primi mezzi da lavoro si sono presentati nella tarda mattinata di lunedì 12 agosto, proprio mentre l’amministrazione comunale di Treviglio stava tenendo una giunta straordinaria per approvare una variazione di bilancio necessaria a fare fronte, in attesa di notizie da parte delle assicurazioni, alle spese per la sistemazione del palazzetto dello sport comunale pesantemente danneggiato dal maltempo.

In attesa dell’approvazione dei veri e propri lavori di riqualificazione, che avverrà a fine mese, sull’area del PalaFacchetti sono cosi partite le prime operazioni di rimozione dei detriti presenti sul tetto e nel piazzale dell’edificio. Come promesso dall’amministrazione nei giorni successivi ai due violenti temporali che hanno devastato la Bassa bergamasca, la macchina comunale si è subito attivata per riportare il tutto alla normalità, con un occhio di riguardo proprio al palazzetto intitolato al compianto Giacinto Facchetti.

“Nella mattinata di lunedì è stata indetta una giunta straordinaria per dare una risposta al tema dell’emergenza meteo che ha visto protagonisti Treviglio e la Bassa bergamasca – ha riferito il sindaco Juri Imeri – Ringrazio vivamente gli uffici finanziari perchè siamo riusciti in tempo record e in situazioni non facili a deliberare una variazione di bilancio che ci permette sostanzialmente di essere pienamente operativi. Questa variazione prevede l’applicazione di una parte di avanzo di circa 96 mila euro – proveniente dall’Iva in avanzo sui beni venduti in passato – e la previsione di un rimborso assicurativo di 474 mila euro, per un totale di 570 mila euro, che destineremo per la manutenzione del palazzetto dello sport e agli interventi che riguardano il tetto e la copertura”.

Inizialmente verranno rimossi tutti i detriti e le parti pericolanti, in attesa dei progetti di “sistemazione” veri e propri che verranno approvati entro fine agosto: “Finalmente siamo riusciti a organizzare i lavori di rimozione di tutta quella che è la parte ‘non sicura’ del tetto, che comprende sia la parte di coibentazione sia quella delle guaine – ha sottolineato il dirigente del Settore tecnico Bruno Cirant – Finite queste opere si procederà con la pulizia della volta. Successivamente verrà rifatta in parte la guaina, e questo ci permetterà di mettere in sicurezza il tutto, impermeabilizzando anche l’area in oggetto. Nel frattempo – conclude Cirant – stiamo procedendo con la stesura dei progetti per il rifacimento vero e proprio del tetto e della parte ammalorata della pavimentazione, che saranno pronti entro fine agosto. Ora, quindi, il palazzetto va considerato come una vera e propria area di cantiere e risulta inaccessibile ai non addetti ai lavori”.

palasport palafacchetti treviglio danni

Sul fronte delle tempistiche il sindaco annuncia invece lo slittamento del termine minimo di consegna a metà novembre “Stiamo lavorando per accorciare il più possibile i tempi – ha spiegato il primo cittadino – il PalaFacchetti è anche un luogo simbolico, e ci teniamo a dimostrare come amministrazione la volontà di ripristinarlo quanto prima. Per i tempi di riapertura del palazzetto avevamo inizialmente mandato una comunicazione che dava come termine minimo il 15 ottobre. Adesso, dopo le opportune verifiche, la riaggiorneremo spostando in là di un ulteriore mese il termine”.

Una doccia fredda per la BCC BluBasket Treviglio, la squadra di pallacanestro che ha nel PalaFacchetti la propria “casa”. Nei giorni scorsi, infatti, il patron Gianfranco Testa aveva auspicato la possibilità di tornare a giocare nell’edificio sportivo già entro fino ottobre. Ora, anche alla luce delle nuove tempistiche, la squadra dovrà valutare un piano B per trovare una sistemazione momentanea. A tutto questo, infine, si aggiunge anche l’incognita legata al palazzetto dello sport di Spirano, devastato anche lui dalla furia della tempesta. Inizialmente l’amministrazione spiranese aveva dato l’ok per permettere alla squadra di Treviglio di allenarsi nell’edificio di via Sant’Antonio, ma il violento temporale di mercoledì 7 agosto che ha divelto parte del tetto della struttura ha di nuovo cambiato le carte in tavola. Nei prossimi giorni si saprà se il palazzetto di Spirano sarà agibile e se sarà così utilizzabile dalla BluBasket Treviglio.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.