Turisti derubati a Crespi d'Adda: "Aiutateci a ritrovare almeno gli effetti personali" - BergamoNews
La lettera

Turisti derubati a Crespi d’Adda: “Aiutateci a ritrovare almeno gli effetti personali”

Ci scrive Michele, un 40enne di Firenze che è stato vittima di un furto durante una visita a Crespi: "Le borse potrebbero essere state buttate"

Pubblichiamo una lettera giunta in redazione da parte di Michele, un quarantenne di Firenze che sabato scorso è stato vittima di un furto durante una visita a Crespi d’Adda con la compagna e chiede aiuto per ritrovare almeno gli effetti personali:

Gentile redazione, vi scrivo da Firenze per raccontarvi della disavventura occorsa sabato scorso, 10 agosto, quando ci siamo fermati a Crespi d’Adda a visitare il sito Unesco della Bergamasca dopo aver fatto visita a degli amici in città.

Il posto è interessantissimo, anche se manca la possibilità di poter vedere da vicino l’impianto industriale. Abbiamo parcheggiato la macchina sul viale del cimitero, all’ombra dove ci sono ancora le case e abbiamo fatto un giro di mezz’ora. In questo frangente (tra le ore 11.35 e le 12.50 circa) un furgoncino con alcuni uomini a bordo ha affiancato l’auto forzato la serratura e rubato la valigia e una borsa. Abbiamo scoperto poco dopo che hanno anche spaccato il vetro della macchina di una residente rubando la sua borsa, poi gettata via lungo la strada.

Abbiamo fatto denuncia ai carabinieri di Capriate e oggi, lunedì, a Gessate hanno ritrovato per terra una nostra carta di credito rubata (ovviamente sono state tutte bloccate). Abbiamo chiamato la polizia municipale che ci ha detto che l’impianto di videocamere non funziona, ma non capiamo se hanno controllato l’accesso ZTL a Crespi (dove in quel lasso di tempo non sono passati tantissimi furgoni…immaginiamo…).

A parte la visita e il ricordo rovinato mi immagino che almeno qualcosa si potrebbe recuperare, le penne usb con un po’ di file, i quaderni, gli effetti personali. Pensiamo che le due borse potrebbero essere state buttate da qualche parte. Un borsone morbido grigio antracite e una borsa di stoffa a tracolla bianca con la scritta “Manifattura Tabacchi”… Chissà…

Grazie dell’attenzione.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it