BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Devastazioni al G8 e a Milano: arrestato l’ultimo black bloc, è bergamasco

Viveva in Francia sotto falso nome

Vi ricordate le devastazioni del G8 di Genova e in seguito quelle di corso Buenos Aires a Milano da parte dei black bloc? L’ultimo di loro, individuato e condannato è stato arrestato in Francia. È bergamasco, originario di Calcinate, si chiama Vincenzo Vecchi, ha 46 anni, un passato da ecologista, viveva in Bretagna sotto falso nome.

A tradirlo l’amore per la compagna e la figlia minore: seguendo gli spostamenti della donna, la polizia francese, su input di quella italiana, ha scoperto il loro incontro in una località della Savoia.

Vecchi, esponente dell’area anarco-autonoma milanese, era latitante dal luglio del 2012, a seguito della condanna definitiva della Cassazione per i fatti di Genova a 11 anni e 6 mesi: era accusato di devastazione e saccheggio, rapina e porto di armi. Per gli investigatori il 20 e 21 luglio 2001, durante il G8, Vecchi faceva parte di un gruppo di persone che a volto coperto devastò la città distruggendo e incendiando. Erano quelli del cosiddetto Blocco Nero: presero di mira banche, auto, un supermercato e assaltarono il carcere di Marassi. Vecchi venne identificato come un promotore delle devastazioni, uno “che spingeva gli altri ad agire”, lanciava “bottiglie, sassi e molotov”.

Dopo Genova, Milano, dove partecipò alle violenze in in Corso Buenos Aires nel 2006 a cui seguì un’altra condanna.

La polizia ha ritenuto che Vecchi si trovasse in Francia. I francesi hanno approfondito le indagini scoprendo che Vecchi aveva incontrato l’ex convivente e la figlia minore in una località della Savoia, trascorrendo una settimana di vacanza. Poi la donna e la figlia erano rientrate a Milano e Vecchi in Bretagna, dove viveva.

Monitorando la donna e seguendo le tracce dei telefoni usati dalla coppia, gli investigatori del Servizio per il Contrasto dell’Estremismo e del Terrorismo Interno e della Digos di Milano hanno localizzato il latitante, le informazioni sono state passate alla polizia francese che l’8 agosto scorso ha arrestato Vecchi a Saint Gravé dans le Morbhian, un piccolo borgo dove viveva in una ‘comune’, si faceva chiamare Vincent Papale e faceva l’imbianchino. E’ stato fermato per strada, mentre andava a lavorare.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.