BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I Lupi orobici e la festa degli antichi celti a Cornello dei Tasso

Dalla storia al folklore, dai reperti archeologici alle leggende popolari, la seconda edizione dell’Orobica Lughnasadh vuole essere un evento per ritrovarsi e fare festa, con lo scopo anche di “diffondere e valorizzare la cultura, il folklore, la ricostruzione storica, l'arte in ogni sua forma e l'artigianato a tema pagano

Una riscoperta dello spirito della tradizione storica, della cultura e del folklore delle valli orobiche. Nasce da questo desiderio l’Orobica Lughnasadh, un festival alla riscoperta delle abitudini di vita degli avi e delle radici celtiche, con un intento gioioso: ritrovarsi, facendo festa e scoprendo elementi nuovi delle culture delle valli bergamasche e del mondo, con laboratori, musica e teatro. Un festival, organizzato dall’associazione Lupi Orobici, che presenta iniziative storiche, culturali, artigianali e folkloristiche, ospitate nella cornice del borgo medievale di Cornello dei Tasso, a Camerata Cornello, da venerdì 9 a domenica 11 agosto.

“Un luogo particolare, per certi versi anacronistico rispetti ai temi che trattiamo, ma con un fascino antico, del quale vogliamo riscoprire lo spirito – spiega Ivan Nieddu, uno degli organizzatori -. Un antico borgo medievale al quale si può accedere solo a piedi. Un borgo immerso tra i boschi delle Orobie bergamasche, in Val Brembana, situato su un corno di roccia a picco sul Brembo: da qui il nome ‘Orobica’, come richiamo anche all’antica popolazione degli Orobi. Il termine Lughnasadh, sempre dedicato alle radici celtiche, indica una delle otto feste in cui è suddiviso l’anno secondo i cicli delle stagioni: questa è dedicata al raccolto, in particolare dei cereali, che segnava l’inizio del lento passaggio dell’estate verso l’autunno e i frutti di tale stagione, fondamentali per tutte le zone montane e rurali”.

Dalla storia al folklore, dai reperti archeologici alle leggende popolari, la seconda edizione dell’Orobica Lughnasadh vuole essere un evento per ritrovarsi e fare festa, con lo scopo anche di “diffondere e valorizzare la cultura, il folklore, la ricostruzione storica, l’arte in ogni sua forma e l’artigianato a tema pagano, riunendo tutti coloro che sono nell’ambito in un’unica grande famiglia dalle radici e dai richiami affini”.

Un evento organizzato in collaborazione con il Museo dei Tasso e della Storia Postale, che in particolare organizza, sabato 10, un laboratorio di scrittura con penna d’oca, inchiostro e ceralacca (per i ragazzi dai 7 ai 12 anni). Laboratori che si svolgono nelle giornate di sabato e domenica, quando verranno presentate anche conferenze e spettacoli teatrali. Sempre sabato, dalle 22.30, il gruppo teatrale Tenebrae – Richiami Teatrali e i Barad Guldur metteranno in scena una “rappresentazione del fuoco con invocazione a Poininos” e una ricostruzione basata sulle incisioni rupestri dei Massi della Camisana di Carona.

Domenica 11 verrà anche proposta, sempre a cura del Museo dei Tasso, una visita guidata gratuita del borgo (15-16), mentre alle 21 Ivan Nieddu terrà una conferenza di ascolto e di analisi storico, culturale e folkloristica di “Frammenti di oscurità”, nuovo album della band folk metal Barad Guldur.

Durante le tre giornate, sarà presente nel borgo un accampamento, con rievocazione storica a tema celtico del Clan Reithe, oltre a diversi stand artigianali. Un evento particolare, giunto alla sua seconda edizione, che permetterà la riscoperta di cenni di storia ancora poco conosciuti delle valli bergamasche e consentirà al pubblico di mettersi in gioco grazie ai laboratori, accompagnati dall’atmosfera creata dalla musica e dalle rappresentazioni teatrali.

PROGRAMMA

VENERDÌ 9 AGOSTO

– 16:00 – Inizio del festival;
– 21:30 – Intrattenimento musicale acustico ad opera dei Barad Guldur;
– 23:00 – Conclusione del primo giorno di festival.

Nel corso della giornata:

– Stand artigianali e ristoro;
– Accampamento e rievocazione storica a tema celtico a cura del Clan Reithe.

SABATO 10 AGOSTO

– 10:00 – Inizio del festival;
– Dalle 15:00 alle 16:00 – Laboratorio per bambini (su prenotazione): Scrivere lettere con penna d’oca, inchiostro e ceralacca a cura del Museo dei Tasso e della Storia Postale (età consigliata: dai 7 ai 12 anni);
– Dalle 16:15 alle 17:15 – Conferenza: Spirito Ferale – Mutaforma, spiriti animali e uomini selvatici dalle valli alpine alle culture nel mondo, a cura di Eliana Ithaeur Gheza;
– Dalle 17:30 alle 18:30 – Laboratorio dimostrativo: Foglie. Zolfo. Rame. Di come bagnare le foglie nel rame e colorarle con lo zolfo, a cura di Jenny Caselli;
– Dalle 21:00 alle 22:00 – Conferenza: Luci, Nemora e Silvae – Il sacro nelle tradizioni italiche, a cura di Adriano Mattia Cefis;
– Dalle 22:30 alle 23:00 – Rappresentazione del fuoco con invocazione a Poininos e ricostruzione basata sulle incisioni rupestri dei Massi della Camisana di Carona (BG), a cura del gruppo teatrale Tenebrae – Richiami Teatrali e dei Barad Guldur;
– 23:00 – Conclusione del secondo giorno di festival.

Nel corso della giornata:

– Stand artigianali e ristoro;
– Accampamento e rievocazione storica a tema celtico a cura del Clan Reithe.

DOMENICA 11 AGOSTO

– 10:00 – Inizio del festival;
– Dalle 15:00 alle 16:00 – Visita guidata gratuita del borgo, a cura del Museo dei Tasso e della Storia Postale;
– Dalle 16:15 alle 17:15 – Conferenza: Buongustai d’Altri Tempi: Oswald Von Wolkenstein e il cibo, a cura di Dario Capelli;
– Dalle 17:30 alle 18:30 – Laboratorio: L’Arte dell’Hennè sulla Pelle e nel Mondo, a cura di Alice Chioda;
– Dalle 21:00 alle 22:00 – Conferenza: Frammenti Di Oscurità – ascolto e analisi storico/culturale/folkloristica dell’album Frammenti Di Oscurità dei Barad Guldur, a cura di Ivan Nieddu e dei Barad Guldur;
– 23:00 – Conclusione del terzo giorno di festival.

Nel corso della giornata:

– Stand artigianali e ristoro;
– Accampamento e rievocazione storica a tema celtico a cura del Clan Reithe.

Nei tre giorni, a seconda del tempo atmosferico, della visibilità dell’atmosfera e della disponibilità, sarà possibile osservare la Luna e i pianeti visibili nell’arco della serata con il telescopio. A cura di Stefano Belotti.

Nella Sala Mercatorum: “Viaggiare con la posta dai tempi di Leonardo”, mostra organizzata e allestita dal Museo dei Tasso e della Storia Postale.

Le conferenze e i laboratori si svolgeranno in una comoda e suggestiva sala all’interno de La Tana del Tasso B&B.

Possibilità di fare viaggi sciamanici e matrimoni celtici a cura di Silvia Operatore Olistico, sciamana e Druido. Sconti sui viaggi sciamanici e sconto sui matrimoni per gli associati Lupi Orobici.

Costo conferenze: 5 € per i non associati, gratuite per gli associati Lupi Orobici.
Laboratori: 10 € per i non associati, 5€ per gli associati Lupi Orobici.
Laboratorio del Museo dei Tasso e della Storia Postale: 3 € a partecipante.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.