BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Castel Rozzone, l’arredo dell’ufficio del sindaco donato dall’azienda del paese

La storica ditta Rozzoni Mobili srl ha regalato al primo cittadino tavolo, sedie, cassettiera e armadio con intarsiato lo stemma del Comune

Un grosso tavolo, tre sedie di cui una patronale, una cassettiera e un grande armadio con intarsiato lo stemma del Comune. Si tratta della curiosa, e sicuramente apprezzata, donazione che la ditta Rozzoni Mobili srl di Castel Rozzone ha deciso di elargire al piccolo Comune della Bassa bergamasca, come gesto simbolico verso il paese che da anni ospita il prestigioso mobilificio.

“Molti anni fa al Comune era già stato donato il mobilio della sala consiliare da un’altro grande mobilificio presente nella zona – ha spiegato il primo cittadino Luigi Giovanni Rozzoni (che non è parente dei proprietari dell’azienda) – come accaduto anni fa oggi anche la ditta Rozzoni Mobili srl ha voluto ringraziare il paese donando qualcosa di significativo al Comune. Si tratta di una ditta storica della nostra comunità e un’eccellenza locale riconosciuta in tutto il mondo per la qualità delle sue realizzazioni”.

“I mobili dell’ufficio erano un po’ datati e discreta fattura – ha ammesso poi Rozzoni – ora, grazie a questo gradito dono, l’ufficio del sindaco andrà ad aumentare di valore sia per quanto riguarda la qualità dei mobili sia per quanto riguarda il valore intrinseco che porta con se il gesto della donazione”.

Il prezioso mobilio è già stato consegnato all’amministrazione, anche se l’inaugurazione ufficiale avverrà solo in occasione della vicina festa patronale che cadrà il 25 agosto.

La data dell’inaugurazione non è casuale però, ma cade in concomitanza con la consegna dell’annuale premio cittadino dedicato a Paolo Belloli e che vedrà quest’anno la consegna ai figli del riconoscimento assegnato alla memoria di Paolo Defendini, figura di spicco dell’economia locale che ha contribuito a portare “l’arte” dell’intarsio in paese.

“Durante la festa patronale ci sarà anche la consegna del premio Paolo Belloli, che viene consegnato ogni anno in occasione dei festeggiamenti – ha raccontato il sindaco – Quest’anno lo daremo alla memoria di Paolo Defendini, che è la persona che ha contribuito più di tutti a portare l’industria dell’intarsio a Castel Rozzone, nei lontani anni ’50. Il nostro paese – conclude il primo cittadino – fa parte da tempo del ‘Distretto dell’intarsio’ assieme ad alcuni comuni vicini ed è nota per questo tipo di produzioni. L’idea della donazione e quella dell’inaugurazione viene anche dalla volontà di valorizzare l’arte dell’intarsio che è tipica della nostra cittadina”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.