BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Incidente di Azzano, l’investitore di Luca e Matteo va ai domiciliari

Secondo il giudice delle indagini preliminari il 33enne non voleva uccidere i due ragazzi

Dopo tre giorni ha lasciato il carcere Matteo Scapin, il 33enne di Curno che nella notte tra sabato e domenica ad Azzano ha travolto lo scooter con in sella Luca Carissimi, 21 anni, e Matteo Ferrari, 18, entrambi di Bergamo, morti uno sul colpo e l’altro il giorno seguente.

Secondo il giudice delle indagini preliminari Vito Di Vita, Scapin non voleva uccidere i due ragazzi. Il giudice ha riqualificato il reato da duplice omicidio volontario, a omicidio stradale aggravato.

Una decisione che arriva al termine dell’interrogatorio di garanzia di mercoledì, in cui il 33enne ha raccontato la sua versione dei fatti su quanto accaduto dopo la nottata al Setai.

Scapin quindi torna a casa, in attesa della conclusione delle indagini da parte del pubblico ministero Raffaella Latorraca e del possibile rinvio a giudizio per il processo. Perché la decisione del giudice per le indagini preliminari non è la sentenza definitiva, quella verrà decisa in sede processuale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.