BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

MiMiSol: esce di scena la fondatrice Imelde Bronzieri

Con la collezione autunno-inverno 2019/2020 la stilista e imprenditrice bergamasca termina il suo impegno come direttore artistico e creativo per MiMiSol, il brand creato da lei stessa.

“Questa è la mia ultima collezione MiMiSol”: con un post pubblicato sul profilo facebook Imelde Bronzieri comunica che con la collezione autunno/inverno 2019/2020 termina il suo impegno come direttore artistico e creativo per MiMiSol, l’innovativa linea d’abbigliamento per bambini creato dalla stessa Bronzieri.

Dalla primavera-estate 2020 il ruolo di responsabile stilistico di MiMiSol – la cui neo-proprietaria è la società MM Capital Ag dell’investitore svizzero Michele Martucci – viene affidato a Umberto Consiglio, fashion designer con esperienze nelle linee childrenswear di Dolce & Gabbana e Versace.

MiMiSol sono le tre note che aprono la celebre Ninna Nanna di Johannes Brahms, l’opera 49-4, e rappresentano il messaggio poetico del brand made in Italy nato nel 2011 dall’intuizione della stilista bergamasca che sin dal 1980 presidia, insieme a Stefano Cavalleri la scena dell’abbigliamento per bambini con le creazioni di I Pinco Pallino. Dal 2017 Fase Uno è la licenziataria del marchio creato da Bronzieri.

Imelde Bronzieri

In una nota l’imprenditrice bergamasca comunica “Imelde continuerà in nuove forme il proprio percorso professionale, forte del tesoro di esperienza e dell’incessante desiderio di innovazione nello stile e nei materiali, affrontando nuove sfide con la maturità che viene dalla consapevolezza del cammino fin qui percorso e dalla solidità dei risultati raggiunti. Continuerà a mantenere i contatti con i tanti amici clienti e follower che la seguono sui suoi account personali dove chi la conosce, stima e ama potrà sempre condividere con lei le prossime tappe nel suo cammino nel mondo del bambino”.

Lo scorso marzo la griffe è stata rilevata dalla società di investimenti svizzera MM Capital AG dell’investitore svizzero, di origini italiane, Michele Martucci. Il manager ha acquisito MiMiSol da Francesco Sbiroli e sua moglie Patrizia Loliva, detentori del 95% del marchio. Anche per il nuovo corso MiMiSol un punto fermo resta la licenziataria Fase Uno Srl (di cui Sbiroli è CEO), che dal 2017 si occupa della produzione e della distribuzione delle linee di abbigliamento, accanto ad Andrea Montelpare, a cui invece è affidata la licenza per la produzione e la distribuzione della collezione di calzature. Fase Uno assume anche la responsabilità diretta dell’ufficio stile, che diventa parte integrante dell’impegno dell’azienda con sede a Putignano in provincia di Bari e, come anticipato, vede Umberto Consiglio in qualità di responsabile stile MiMiSol.

Con un fatturato 2018 del marchio di 3 milioni di euro, presente in circa 100 multimarca e otto monobrand, tra cui quello da poco aperto in Kuwait, i ricavi del brand MiMiSol provengono al 90% dall’export. Paesi arabi, Middle East, Asia e Usa sono i mercati d’elezione.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.