• Abbonati
Il caso

Stezzano, buco da 614mila euro: Irpef al massimo consentito per evitare il dissesto

Spuntano residui attivi per 1,7 milioni di euro, legati soprattutto a Imu e Tassa rifiuti: la nuova amministrazione costretta a portare l'addizionale allo 0,8% ma con esenzioni per redditi fino a 15mila euro.

Che la situazione contabile non fosse esattamente tutta rose e fiori lo aveva immaginato in campagna elettorale e se ne è reso conto una volta indossata la fascia tricolore: Simone Tangorra, da fine maggio nuovo sindaco di Stezzano, aveva messo l’emergenza economica in cima alle proprie priorità, consapevole che solo risolvendo i problemi lasciati in eredità dalle amministrazioni precedenti avrebbe potuto iniziare a lavorare serenamente sul programma votato dai cittadini alle ultime amministrative.

A certificare la “drammaticità” della situazione è stato lui stesso durante il consiglio comunale di martedì 30 luglio quando ha spiegato che in sede di assestamento del bilancio erano state rilevate “un totale di minori entrate e maggiori spese” che hanno richiesto interventi immediati “per coprire un buco di 614mila euro”.

Il problema maggiore riguarda residui attivi riferiti agli anni dal 2010 al 2016 pari a 1,7 milioni di euro, “prevalentemente Imu e Tassa rifiuti accertate ma mai riscosse. Inoltre il Fondo di garanzia dei crediti di dubbia esigibilità era assolutamente inadeguato a coprire, anche in parte, questa somma”.

La contromossa, “per evitare il dissesto del Comune” è stata l’aumento dell’addizionale Irpef allo 0,8%, il massimo consentito. Ma con una novità: “L’esenzione dal pagamento per le fasce di reddito pari o inferiore a 15mila euro. In questo modo il 41% dei pensionati ed il 31% dei lavoratori dipendenti non pagheranno nulla”.

L’amministrazione non ha risparmiato critiche ai suoi predecessori: “A dimostrazione della insostenibilità dei conti ricordiamo che a due mesi dalle elezioni la Giunta Lega-Forza Italia aveva aumentato l’addizionale Irpef dallo 0,1 allo 0,35%. Chi fa un’operazione del genere a due mesi dalle elezioni se non a fronte di un dissesto annunciato? Noi abbiamo semplicemente rilevato che quella manovra non bastava e l’Amministrazione precedente si porta tutta la responsabilità di questa manovra. A differenza di altri, abbiamo fatto un’operazione di trasparenza e di verità sui conti”.

A complicare la situazione anche un altro imprevisto: “Delle tanto sbandierate entrate, 700mila euro, a copertura dell’ammanco determinato dalle note vicende giudiziarie non abbiamo visto un euro. Quel poco che è entrato ha pareggiato a malapena le spese legali sostenute dal Comune”.

Ma la partita sui conti è tutt’altro che chiusa qui: nelle prossime settimane la Giunta Tangorra dovrà affrontare il caso legato alla Piscina comunale che oltre alle perdite necessita di una manutenzione straordinaria da oltre un milione.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI