Debutta il concorso dei biscotti al Moscato di Scanzo: aperte le iscrizioni - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Strada del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi

La novità

Debutta il concorso dei biscotti al Moscato di Scanzo: aperte le iscrizioni

La proposta si rivolge agli operatori del settore gastronomico della Provincia di Bergamo, che dovranno inviare la propria candidatura, la ricetta e la scheda tecnica entro il 25 agosto alla sede della Strada del Moscato di Scanzo.

Golosa novità alla festa del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi. In occasione della 14esima edizione della kermesse, che si svolgerà dal 5 all’8 settembre, debutterà il concorso “Il Moscato in un biscotto”.

A indirlo l’associazione Strada del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi e il comitato turistico Terre del Vescovado in collaborazione con Francesco Gotti (chef del Bobadilla di Dalmine e responsabile Nazionale Italiana Cuochi – Nic) e Giovanni Pina (maestro pasticciere e membro dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani).

Il concorso, a partecipazione gratuita, è riservato agli operatori del settore gastronomico della Provincia di Bergamo. Ogni concorrente dovrà inviare la propria candidatura, la ricetta e la scheda tecnica entro il 25 agosto alla sede della Strada del Moscato di Scanzo (via Martinengo Colleoni, 38 a Scanzorosciate).

Dopo una prima preselezione, sabato 7 settembre alle 17.30 alla festa del Moscato di Scanzo, al Teatro di Rosciate, si terrà la finale del concorso. La giuria tecnica sarà composta da professionisti del settore gastronomico, giornalisti e figure istituzionali. Sarà affiancata da una giuria popolare, composta dai primi trenta spettatori che interverranno alla finale del concorso “Il Moscato in un biscotto”.

Nel pomeriggio di domenica 8 settembre, profumo di biscotti in piazza Alberico con il vincitore della prima edizione del concorso “Il Moscato in un biscotto”, che presenterà, in un laboratorio all’aperto, la sua creazione dedicata al pregiato passito.

L’iniziativa è finalizzata a valorizzare questa eccellenza dalle caratteristiche uniche. L’assessore alla cultura, promozione del territorio e organizzazione grandi eventi, Angela Vitali afferma: “L’obiettivo del concorso è promuovere il Moscato di Scanzo e il territorio. Nel 2016 era stato indetto un concorso riservato ai cittadini comuni che volessero cimentarsi nella preparazione di una torta, ma è difficile immettere sul mercato la ricetta ideata da un semplice appassionato. Era la ‘torta del Mosgatto’, perché in abbinamento avevamo proposto uno stampo in silicone che riproducesse il volto della mascotte del Moscato di Scanzo. Quest’anno, invece, abbiamo pensato di rivolgerci a tutti gli operatori del settore gastronomico. L’idea è che la ricetta vincitrice possa diventare una produzione vendibile confezionata per tutto l’anno: il vincitore la donerà alla Strada del Moscato e tutte le pasticcerie e i forni che volessero aderire potranno proporre ai loro clienti questo biscotto. Lo proporremo alle pasticcerie di Scanzo, delle Terre del Vescovado e più in generale di tutta la Bergamasca perché il concorso ha carattere provinciale. Considerando che la cucina orobica ha diverse specialità salate ma è meno ricca per i dessert preparati con ingredienti del territorio, potrebbe diventare il nostro dolce tipico”.

Per avere ulteriori informazioni rivolgersi all’associazione Strada del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi telefonando al numero 0356591425, inviando un’e-mail all’indirizzo e-mail Iscrizioni@stradamoscatodiscanzo.it (orari: dal martedì al sabato dalle 14 alle 18).

Consulta il regolamento cliccando qui
Scarica la scheda di iscrizione cliccando qui

Maggiori informazioni sul sito www.festadelmoscato.it

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it