BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cala il sipario sulla Scarpellini a.s.v. di Alzano: 16 i fallimenti di giugno

Sette in meno rispetto a maggio quando sono stati registrati ventitre fallimenti. Nessuna inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti

La sentenza del Tribunale di Bergamo, con la quale a giugno è stato decretato il fallimento della SCARPELLINI a.s.v. (Arte e scienza del verde) srl di Alzano Lombardo, chiude un secolo e mezzo di storia dell’azienda bergamasca specializzata nella progettazione, esecuzione e manutenzione di parchi e giardini.

Un triste epilogo per una delle maggiori aziende florovivaistiche del panorama nazionale. Capostipite, a metà dell’ottocento, Carlo Scarpellini che ha iniziato l’attività svolgendo l’impegno di giardiniere in un grande parco di casa privata in Alzano Lombardo. Nel 1904 Antonio Scarpellini, educato all’arte del giardinaggio dal padre Carlo, ha formalizzato la ditta con la denominazione di Antonio Scarpellini e Figli, mentre nel 1922 dopo la scomparsa di Antonio, i tre figli (Lorenzo, Giuseppe e Antonio junior) decidono di costituire la Fratelli Scarpellini. Nel 2001 la Scarpellini spa si è poi divisa in due: da una parte la Scarpellini Asv di Alzano, guidata da Ilex (membro della prestigiosa “Royal horticultural society” di Londra) e proseguita dal figlio Lorenzo; dall’altra la Scarpellini Incaflor di cui si è occupato il fratello Aquilino, con i figli Indro e Carlo.

Sedici le aziende costrette a portare i libri in Tribunale, a Bergamo, nel mese di giugno, sette in meno rispetto a maggio quando sono stati registrati ventitre fallimenti. Nessuna inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti: dall’inizio dell’anno sono 135 le imprese che hanno chiuso i battenti, in crescita rispetto alle 122 registrate nello stesso periodo dello scorso anno e alle 131 che avevano alzato bandiera bianca nei primi sei mesi del 2017.

Scorrendo l’elenco sono diverse le società, già in liquidazione, che compaiono nella sezione fallimentare: la VILLA CARBONE srl di Gorlago la TEXTILE FINANCE srl per l’attività di acquisto, alienazione e locazione, anche mediante contratti di leasing, di beni immobili e mobili; l’attività di fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici della GB 194 srl e la STEL società di telefonia elettronica lombarda srl, tutte con sede a Bergamo.

A consegnare i libri in Tribunale l’attività di ricerca, ingegnerizzazione e servizi industriali, fabbricazioni di parti intercambiabili per macchine utensili industriali e operatrici al fine della produzione del pezzo finito E.P. ENGINEERING PRODUCTION srl di Mapello; la MEDENT srl di Bergamo; il commercio al minuto di legna e combustibili di Tiraboschi Roberto di Selvino; la M & C srl di Brembate; l’attività di pulizie generali e speciali, lavaggi, ricambi, smaltimento e raccolta rifiuti, la gestione di magazzini e lavori di logistica della GRECALE società cooperativa di Bergamo; la STEMAC di Pozzi Stefano e C. snc di Bottanuco; l’attività di fabbricazione di altri prodotti chimici, fabbricazione di saponi, detergenti e di agenti organici tensioattivi della PSCDC SERVICE srl di Castelli Calepio; la MEDIACONCEPT srl e l’IMPRESA B. STRADE srl, entrambe di Bergamo; e infine l’attività di imbustamento, piegatura, taglio e tutte le operazioni connesse all’inoltro di stampe, opuscoli e corrispondenza in genere della EURO INTERMAIL srl di Lallio.

Chiude l’elenco dei fallimenti di giugno il NOTTURNA 2.0 srl di Curno.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.