Rivali in Consiglio comunale si fidanzano: assessorato a rischio per lei, lui già espulso - BergamoNews
Il caso a ranzanico

Rivali in Consiglio comunale si fidanzano: assessorato a rischio per lei, lui già espulso

Li hanno già ribattezzati i Romeo e Giulietta di Ranzanico

Li hanno già ribattezzati i Romeo e Giulietta della politica. Che tra Jennifer Turra (neo assessore della maggioranza a Ranzanico) e Dario Pellegrino (avvocato candidatosi nella lista di opposizione) ci sia del tenero, lo confermano i diretti interessati ad Araberara, senza grandi giri di parole.

Una frequentazione – riporta il quindicinale – che avrebbe scatenato i malumori da una parte del primo cittadino Renato Freri, e dall’altra del capogruppo di minoranza Sergio Buelli.

La scintilla tra i due sarebbe scoppiata proprio in Consiglio comunale, dove Jennifer e Dario hanno iniziato a parlare e dopodiché uscire insieme.

La prima, assessore al Turismo e allo Sport, secondo quanto dichiarato ad Araberara rischierebbe di vedersi revocata la delega. “È tutto incredibile – le sue parole -. Mi sembra di essere tornata nel Medioevo, ai Capuleti e Montecchi, quando una persona doveva stare attenta a chi frequentava”.

Il secondo, invece, è già stato sfiduciato dal suo gruppo politico, “Rinnovamento per Ranzanico”, attraverso un post su Facebook lo scorso 25 giugno. Secondo la tesi di Pellegrino, proprio a causa della frequentazione con l’assessore Turra.

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it