BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviolo-Paladina, c’è l’accordo per far ripartire i lavori fotogallery

L'impresa Vitali aveva calcolato extra costi per 21 milioni. Lunedì 29 luglio la Provincia convoca un consiglio straordinario

È stato raggiunto l’accordo tra la Provincia di Bergamo e l’impresa Vitali Spa per far ripartire i lavori sulla Treviolo-Paladina, il cantiere fermo da oltre tre mesi a causa degli imprevisti legati ai sottoservizi (ovvero alla presenza sotto la strada di reti idriche, cavi elettrici e tubature da spostare, che hanno costretto gli operai a lavorare a singhiozzo) che hanno portato l’azienda di Cisano a quantificare extra costi per oltre 21 milioni di euro.

Al fine di evitare le valutazioni del consulente nominato dal tribunale di Brescia, dopo un lungo tira e molla le parti hanno raggiunto un accordo transattivo mirato a stabilire le condizioni per il proseguo dei lavori. Un accordo che, alle casse della Provincia, costerebbe un esborso decisamente inferiore: pari a 1 milione e 400 mila euro.

Lunedì 29 luglio è stato convocato un consiglio straordinario. All’ordine del giorno proprio il tema della Treviolo-Paladina: si ratificherà l’accordo rispondendo anche alla corposa interrogazione presentata lo scorso 12 giugno dalla Lega sullo stato del cantiere.

“Sebbene l’accordo fosse avallato già dalla struttura tecnica, corredato dei pareri legali e dell’assenso del collegio dei revisori dei conti, e potesse essere approvato con decreto presidenziale, ho ritenuto di portarlo all’attenzione del Consiglio – precisa il presidente Gianfranco Gafforelli – non solo per dare completa soddisfazione ai Consiglieri che hanno presentato una specifica interpellanza, ma anche per una più ampia partecipazione e condivisione delle scelte”.

Qualcosa di nuovo all’orizzonte, dopo un lungo periodo di stallo, si era già intravisto un paio di settimane fa. Quando la Vitali – che ha ereditato dalla Fabiani di Dalmine l’appalto da 21 milioni – aveva riasfaltato un tratto di strada a Mozzo dopo i solleciti del sindaco Paolo Pelliccioli sulle pessime condizioni della carreggiata, e riavviato i lavori per il completamento del nuovo canale Riolo.

Il cantiere è stato consegnato l’1 febbraio 2018 per essere terminato il 1° marzo 2020. “L’accordo – spiega la Provincia – prevede il completamento delle opere entro il 2021”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.