BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Moschea abusiva in via Quarenghi, assolto proprietario: “Il fatto non sussiste”

Sala Uddin, presidente dell'associazione islamica Rahamah, aveva preso in affitto un immobile, secondo l'accusa trasformando la destinazione da commerciale a luogo di culto

Il caso risale a qualche anno fa. Sala Uddin, presidente dell’associazione islamica Rahamah, aveva preso in affitto un immobile in via Quarenghi 23 a Bergamo, secondo l’accusa trasformando la destinazione da commerciale (un ex supermercato) a luogo di culto. Praticamente una sorta di “moschea abusiva”.

L’uomo, rinviato a giudizio, mercoledì 17 luglio è stato assolto in primo grado dal giudice Andrea Guadagnino perché “il fatto non sussiste”.

“Siamo riusciti a dimostrare che l’immobile veniva utilizzato come semplice luogo d’incontro tra i membri della comunità islamica – spiega l’avvocato Elena Meroni – mentre la moschea vera e propria, quella dove si riunivano a pregare, era regolare e si trovava da tutt’altra parte”, ovvero negli spazi di una palestra comunale.

La vicenda aveva fatto molto discutere. Il centro fu sottoposto a diversi controlli della polizia locale, anche su spinta della Lega che aveva tenuto alta l’attenzione sul tema, sottoponendo diverse interrogazioni all’attenzione del Comune di Bergamo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.