I principi di Parole O_Stili nel linguaggio dei segni coi ragazzi della Donadoni - BergamoNews
L'iniziativa

I principi di Parole O_Stili nel linguaggio dei segni coi ragazzi della Donadoni video

I ragazzi dell’Istituto Comprensivo Donadoni di Bergamo “traducono” il Manifesto contro l'odio in rete

I dieci principi del Manifesto della comunicazione non ostile parlano anche il linguaggio dei segni: i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Donadoni di Bergamo hanno tradotto anche in LIS il decalogo che invita a contrastare ogni forma di ostilità verbale.

Gli insegnanti e gli alunni hanno interpretato in modi diversi il progetto sociale Parole O_stili e lo hanno esposto in occasione della mostra fotografica “A volte le parole non bastano”. Sono state usate emoticons, installazioni artistiche, video esplicativi e didascalie utilizzando il linguaggio dei segni, che i ragazzi hanno imparato durante l’anno grazie ad un progetto specifico d’inclusione della disabilità sensoriale.

La mostra sarà itinerante nel prossimo anno scolastico.

“Sono personalmente commossa di aver raggiunto con Parole O_stili anche il linguaggio dei segni, perché, come ci hanno dimostrato questi ragazzi, l’ostilità è anche nei gesti e non solo nelle parole.” – afferma la fondatrice Rosy Russo – “Il decimo principio recita che “Anche il silenzio comunica” e un linguaggio fatto di emozioni, segni e gesti è forse più efficace per costruire ponti sia nel mondo reale che virtuale.”

leggi anche
  • Con bgy
    Gianni Morandi, il “re” dei social, è il volto dell’iniziativa “Parole Ostili”
    Gianni Morandi

Parole O_Stili è un Manifesto di 10 principi e progetto di sensibilizzazione contro la violenza delle parole nato nel 2017 da un’idea di Rosy Russo, insieme a 300 professionisti uniti dalla volontà di rendere la rete un luogo meno violento. È stato tradotto in 28 lingue e declinato in 5 ambiti: sport, politica, pubblica amministrazione, educazione e scienza. Ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica e ha vinto il Premio In-Difesa, Il Premio Rete Critica, il Premio Inspiring PR e il Premio Ischia.

Sono stati pubblicati tre libri dedicati al progetto (Parole ostili – Racconti, Parole appuntite, parole piumate – Filastrocche; Penso, parlo, posto – Manuale) e lo zecchino d’oro ha dedicato una canzone.

leggi anche
  • I dati
    Parole Ostili: il 58% dei giovani non difende le vittime d’odio sul Web
    odio web
  • Il sondaggio
    “Parole Ostili”, la prima community contro l’odio in rete: vota i principi del manifesto
    odio web
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it