BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Software 5G e device elettronici: a Romano di Lombardia i controlli 2.0 della polizia locale

La nuova piattaforma potrebbe entrare in funzione già a settembre

Nuove dotazioni hi-tec per la Polizia Locale di Romano di Lombardia che strizza l’occhio al verde. Con una recente determina è stato approvato un progetto dal valore di circa 40mila euro per aggiornare il sistema di comunicazioni della “Locale” romanese, aprendo le porte alle dotazioni di ultima generazione e combattendo lo spreco di carta e risorse.

Fino ad ora, infatti, le comunicazioni tra centrale e agenti avvenivano con le classiche ricetrasmittenti radio, mentre alla sede centrale le segnalazioni dei cittadini venivano trascritte manualmente su un brogliaccio cartaceo. Ora, grazie a questo nuovo piano di ammodernamento che strizza l’occhio alla sostenibilità gli agenti e il comando di Polizia saranno dotati di sistemi all’avanguarda totalmente informatizzati, eliminando quasi del tutto l’utilizzo di carta.

“Abbiamo realizzato un progetto di informatizzazione di tutta la centrale operativa – ha spiegato il comandante della Polizia Locale di Romano di Lombardia Arcangelo Di Nardo -. Questo progetto è stato presentato in Regione da cui abbiamo ricevuto un co-finanziamento di circa 10mila euro. Abbiamo realizzato questo capitolato, del valore totale di circa 40mila euro, e nel giro di pochi giorni andremo in gara. L’intenzione è quella di avviare il tutto per inizio settembre”.

Il comandante della polizia locale Arcangelo Di Nardo
Locale Romano di Lombardia

Grazie a una nuova postazione che verrà allestita nella centrale le chiamate dei privati cittadini ricevute dal comando verranno registrate digitalmente, rendendo di fatto disponibile in modo chiaro e semplice le avvenute segnalazioni, eliminando il “report” cartaceo che viene utilizzato ora.

Grazie al nuovo software verranno processate tutte le segnalazioni, rendendo impossibile che alcune di esse non vengano evase. Inoltre, l’addetto alle comunicazioni avrà la possibilità di contattare gli agenti di pattuglia non più con le classiche “radioline” ma con dei palmari di ultima generazione connessi con la nuova tecnologia internet 5G e interfacciati con un apposito server presente nel comando di Polizia. Tramite questo computer sarà possibile interagire in tempo reale, in modo da visualizzare sul dispositivo mobile degli agenti documenti, file audio e video, database e quant’altro.

“Tutte le telefonate dei cittadini e le conversazioni ‘radio’ verranno registrate – ha specificato il comandante Di Nardo -. Il brogliaccio che riporta tutte le operazioni e le segnalazioni giornaliere verrà informatizzato andando a sostituire la versione cartacea attualmente utilizzata: sarà quindi impossibile che rimanga aperto un intervento, perchè il software stesso ci informerà che un’operazione non è ancora conclusa. Grazie a questa nuova tecnologia ridurremo i costi evitando di sprecare carta, accorciando i tempi di intervento e riducendo al minimo eventuali errori”.

Locale Romano di Lombardia

Il vero cuore del progetto però riguarderà gli agenti che, come detto, riceveranno in dotazione dei device elettronici da utilizzare come “tuttofare”: “Gli agenti verranno dotati di un palmare impermeabile e anti urto con cui potranno redarre i verbali, come ad esempio nei casi di divieto di sosta, oppure realizzare fotografie e video degli interventi. Inoltre – sottolinea il comandante – avranno la possibilità di ricevere mail e interfacciarsi con gli altri colleghi tramite canali dedicati. Sempre tramite questi dispositivi avranno accesso alle banche dati della Polizia Locale, come ad esempio anagrafica, intestatari di veicoli, lo stato di assicurazione e revisione dei mezzi e quant’altro”.

Sempre tramite questi device di ultima generazione gli agenti avranno la possibilità di comminare le sanzioni per “irregolarità” minori come divieti di sosta o simili: “Gli agenti – ha spiegato Di Nardo – per comminare un semplice verbale con questi nuovi palmari dovranno semplicemente scattare una fotografia del veicolo preso in esame. Il gps dell’apparecchio elettronico riconoscerà automaticamente l’ora, la data, la via e la posizione del mezzo. Con una piccola stampante mobile verrà prodotto un tagliandino da porre sul mezzo in infrazione. Tramite il codice a barre presente su questa notifica sarà possibile pagare l’ammenda ovunque, mentre al comando di Polizia arriverà in tempo reale la contravvenzione, refertandosi direttamente nei nostri computer”.

Tramite questi dispositivi di comunicazione 2.0, infine, sarà possibile monitorare dalla centrale la posizione degli agenti, in modo da garantirne la sicurezza nelle operazioni più delicate riuscendo a gestire meglio gli interventi. Un microfono da agganciare al bavero della divisa permetterà poi di comunicare direttamente con la centrale, mentre un apposito tasto presente sull’apparecchio elettronico permetterà di lanciare un allarme immediato in caso necessità.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.