BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Maggiolino, addio a un mito su quattroruote

Grande popolarità la ottenne dal 1968 quando la Disney produsse il film "Un maggiolino tutto matto" diretto da Robert Stevenson.

Più informazioni su

Cala il sipario sulla Volkswagen Typ 1, meglio conosciuta in Italia come Maggiolino: dal 10 luglio 2019 questa auto iconica, simbolo della nascita di Volkswagen e primo prototipo di “vettura alla portata di tutti” è fuori produzione anche nell’ultima fabbrica che la realizzava, a Puebla, in Messico.

Nel 1937 fu fondata la Volkswagen per volere di Adolf Hitler. Proprio questo modello fu il primo fabbricato dal marchio ormai di importanza mondiale e i progettisti interpellati per la realizzazione furono Ferdinand Porsche e Jakob Werlin della Mercedes-Benz i quali dovettero sottostare alle direttive di Hitler riguardanti costi,velocita,capienza… Il Führer voleva, come annunciato nel salone di Berlino del 1934, una macchina accessibile e funzionale per tutti in quanto non considerava questo un mezzo di trasporto elitario.

L’automobile venne inizialmente nominata KdF-Wagen, Kraft durch Freude-Wagen, ovvero “auto della Forza attraverso la Gioia“,nonostante il signor Porsche si fosse opposto. Appena fu presentata ufficialmente al pubblico nal salone di Berlino del 1938 riscosse un grande successo per la sue innovazioni.

Con l’inizio della seconda guerra mondiale le esigenze belliche richiesero che si adattasse al servizio militare, difatti furono create varie varianti a questo scopo tra cui la Kübelwagen, la più utilizzata, Schwimmwagen, anfibia e la Kommandeurwagen.

Terminato il conflitto mondiale, i bombardamenti avevano compromesso gravemente la struttura dell’azienda e gli alleati pensarono a una necessaria demolizione, ma, grazie all’intervento di Ivan Hirst, ufficiale inglese, ingegnere meccanico esperto di automobili che ipotizzò di rimettere in funzione la fabbrica allo scopo di costruire  automezzi per l’esercito britannico, l’azienda venne salvata.

Successivamente venne ridata ai tedeschi sotto la gestione di Heinz Nordoff, grazie al quale le vendite del Maggiolino crebbero in maniera esponenziale: infatti dalle poche centinaia del ’46, nel 1948 si contavano già 19.000  vetture vendute, 46.000 nel ’49: aumentarono sempre più fino a meta degli anni Settanta. Il grande successo portò a esportare il Maggiolino in tutto il mondo e in particolare in Sudamerica dove nacquero diverse filiali. In Italia nel ’63 si contano 42.000 vetture immatricolate.

Nel corso degli anni sono state apportate diverse migliorie e sono nate varie serie di modelli tra cui Jeans, Big, City,  ISilver Bug, Special Bug… e altri per occasioni speciali infatti nel 1955 in onore del milionesimo Maggiolino prodotto questo fu realizzato con un rivestimento color oro metallizzato e ricamato con perline sulle cromature.

maggiolino disney

Grande popolarità la ottenne dal 1968 quando la Disney produsse il film “Un maggiolino tutto matto” diretto da Robert Stevenson.

Le vendite inziarono a calare alla fine degli anni ’70 e nel 1978 viene cessata la produzione in Europa, verrà mantenuta quella delle cabriolet fino al 1980.

Ora finisce l’era del Maggiolino: una macchina che ha rivoluzionato il mercato modiale nonché il concetto di automobile.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.