BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Inchiesta Promoberg, Trigona: “Nessun patto illecito con l’ex direttore Cristini”

Il segretario generale (sospeso dall'incarico) dell'Ente Fiera annuncia che "Chiarirà innanzi all’autorità giudiziaria la propria completa estraneità ai fatti in contestazione"

Luigi Trigona segretario generale (sospeso dall’incarico) della Promoberg, indagato nell’ambito dell’inchiesta legata alla Fiera di Bergamo che ha portato agli arresti domiciliari il direttore generale Stefano Cristini si rivolge ai giornali per “precisare e segnalare l’assoluta inesistenza di qualsivoglia ‘patto’ o intesa illecitamente intercorsi con l’ex direttore Cristini”.

La stessa documentazione nelle mani degli inquirenti, scrive, “d’altra parte, laddove correttamente interpretata, conferma e testimonia come il dottor Trigona, non appena ha avuto evidenza di presunte irregolarità contabili nella gestione dell’Ente e delle sue disponibilità di cassa, ha prontamente attivato i presìdi societari (collegio sindacale, in primis) e la presidenza, promuovendo personalmente ogni e più ampia attività di disamina interna della contabilità societaria, finalizzata allo scopo di verificarne la regolare tenuta”.

Non di meno “sin dai i primi sentori delle criticità successivamente emerse, ha dato immediata indicazione allo stesso Direttore Cristini affinché si muovesse in prima persona (come poi fece) per chiarire innanzi al collegio sindacale e al consiglio di amministrazione le presunte criticità oggi in contestazione, figlie di dinamiche esterne all’Ente e, soprattutto, all’operato dei suoi funzionari”.

In relazione a queste criticità “nessuna reticenza o, meno ancora, avallo postumo sono mai promanati dal sottoscritto, sempre ed unicamente mosso, nel proprio operato, dalla volontà di perseguire il bene di Promoberg, Ente per il quale, con grande profitto e reciproca soddisfazione, ha prestato negli anni la propria (pluridecennale) attività professionale”.

Resta naturalmente inteso che “il sottoscritto da qui a breve, chiarirà innanzi all’autorità giudiziaria la propria completa estraneità ai fatti in contestazione”. venerdì scorso all’interrogatorio di garanzia Luigi Trigona si era avvalso della facoltà di non rispondere.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.