BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Poste, a Bergamo 130 assunzioni “senza scioperi”: la Cisl attacca la Cgil

Attenzione anche alle zone disagiate

“Bergamo, rispetto a altri territori, esce rafforzata e per buona parte coperta dall’intesa firmata per la stabilizzazione degli organici in Poste Italiane”. Rossana Pepe, segretaria generale di Slp Cisl Bergamo, legge con assoluta positività il risultato dell’accordo tra i sindacati di settore e la direzione regionale di Poste Lombardia.

Entro settembre, tra personale nei recapiti e nuovi ingressi agli sportelli, quasi 130 assunzioni verranno registrate, e la prima parte di questi saranno già operativi entro metà luglio.

“La criticità della carenza di personale che ci portiamo da tempo appresso – continua Pepe – , non si è dissolta per un tocco di bacchetta magica: ma la contrattazione che abbiamo messo in atto e il ‘pressing’ operato ai diversi livelli della struttura di Poste Italiane ha permesso di sbloccare una situazione che per alcune zone e in determinati periodi stava diventando assolutamente insostenibile. Per questo, non abbiamo capito la decisione di Cgil di attuare uno sciopero mentre la trattativa era ancora in piedi: con questo accordo, oggi, acceleriamo tutto e avremo un gran numero di persone nuove che entreranno a far parte dell’organico, che nel giro di un anno è comunque aumentato”.

I nuovi ingressi bergamaschi riguardano 24 sportellisti part time, 8 nuovi addetti al commerciale, 10 passaggi da recapito allo sportello, 6 passaggi da part time a full time, e 81 assunzioni sul recapito (i portalettere, per intenderci), che andranno a sommarsi ai 140 Tempi Determinati che già operano in molte zone.

Inoltre, un punto di forza dell’accordo per quanto riguarda Bergamo, è stata l’attenzione rivolta agli uffici delle zone disagiate: assunzioni mirate agli sportelli e alle zone di Val Seriana (Piario, Gromo, Cene, Valbondione…), Valle di Scalve (Schilpario), Serina e Piazza Brembana.

“È stato grazie al senso di responsabilità, che ci ha spinto a mantenere aperto il dialogo, con l’unico obiettivo di tutelare al meglio il lavoro, le esigenze e le professionalità dei dipendenti: così abbiamo raggiunto l’accordo di stabilizzazione degli organici ed assunzioni di personale, con passaggi e trasformazioni da part-time in full-time, ragionando di orari di lavoro e sicurezza con nuovi mezzi, di maggiore etica e controlli nelle posizioni commerciali. A volte, scioperare non serve”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.