BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cgil, Cisl e Uil: “Serve subito un rinnovamento alla Promoberg”

“La Fiera importante leva per terziario e settori manifatturieri”

Dopo l’arresto del direttore della Fiera di Bergamo e alla luce delle ultime notizie sull’inchiesta sui falsi rimborsi che vede indagate anche altre figure all’interno dell’Ente Fiera, i sindacati non nascondono la propria preoccupazione.

I tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di Bergamo, Gianni Peracchi, Francesco Corna e Angelo Nozza commentano: “Per il nostro territorio poter contare su efficienti istituzioni che promuovano e innovino l’offerta di servizi nei settori del terziario come il turismo, il commercio, i servizi all’impresa, l’internazionalizzazione, è una condizione indispensabile per dare continuità all’occupazione in questi settori che, da alcuni anni, assorbono oltre il 50% dei lavoratori bergamaschi”.

Per questo, sottolineano, “è importante che la vicenda Fiera Bergamo Promberg si chiuda con rapidità, ponendo fine a quelli che, se confermati dalle indagini della Magistratura, appaiono non solo comportamenti illegali da sanzionare, ma si configurano anche come una seria minaccia al ruolo che queste istituzioni devono avere per lo sviluppo economico del territorio e la qualità dell’occupazione”.

Nella nostra provincia, ricordano i tre segretari, “le parti sociali e le istituzioni stanno realizzando un progetto per lo sviluppo e la competitività di Bergamo (il cosiddetto Tavolo OCSE) che punta sull’innovazione e sull’integrazione delle reti (stradali, ferroviarie, logistiche, informatiche, finanziarie …), sulla formazione dei giovani e dei lavoratori già occupati, sulla valorizzazione del territorio e dei suoi beni culturali, artistici, naturali e sul rinnovamento urbano e abitativo. In questo processo, i servizi gestiti da Fiera Bergamo Promberg sono un’importante leva sia per il settore terziario e del commercio che per i settori manifatturieri e le loro necessità di scambi e relazioni internazionali”.

Al di là della vicenda giudiziaria, che deve seguire il suo corso, concludono “chiediamo agli enti e alle istituzioni che governano Promoberg di procedere rapidamente ad un rinnovamento delle cariche basato su principi di competenza, rigore e affidabilità, di recuperare le risorse illegalmente disperse, di riprendere l’attività istituzionale al servizio dello sviluppo del territorio e di chi ci vive e lavora”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.